Dalla Gran Bretagna un’idea geniale: macchina della verità per gli evasori fiscali

Pubblicato il 20 Settembre 2010 14:18 | Ultimo aggiornamento: 20 Settembre 2010 21:09

Mentre in Italia gli evasori sono visti come “brave persone”, in inghilterra pensano a un modo “invasivo” per combatterli. La macchina della verità contro l’evasione fiscale: questa è la proposta “singolare” che Nick Clegg, il vice primo ministro britannico e il leader dei Lib Dem, ha portato al convegno del suo partito a Liverpool.

Migliaia di contribuenti con reddito oltre le 150 mila sterline rischieranno controlli molto più invasivi, ad esempio il ‘lie detector’, se la proposta andrà in porto. 150 mila sterline e’ la soglia oltre al quale scatta la nuova imposta del 50 per cento sul reddito. Clegg parla oggi al Congresso dei Lib Dem, il primo in 65 anni con il partito al governo e sotto il peso di un crollo dei sondaggi dopo l’alleanza con i Conservatori. Per rassicurare gli scontenti la promessa di oggi e’ che il patto con David Cameron sara’ di una sola legislatura.