Ex parà fermata con l’eroina: “Cominciai in Afghanistan coi commilitoni”

Pubblicato il 17 Agosto 2011 - 12:19 OLTRE 6 MESI FA

GENOVA – Fermata e arrestata con 35 grammi di eroina purissima, ha poi rivelato al giudice che l’ha processata: “Ho iniziato a farmi quando ero in Afghanistan”. La protagonista della storia, narrata da Marco Grasso e Matteo Indice sul Secolo XIX, è Alessandra Gabrieli, un’ex paracadutista che era stata impegnata nella missione di pace italiana nel Paese asiatico.

Alessandra, raccontano i due giornalisti del Secolo XIX, è stata fermata a Sampierdarena con una quantità di eroina che sarebbe stata equivalente a circa 400 dosi. Portata davanti al giudice e processata per direttissima, la ragazza, di 28 anni, ha candidamente detto: “Mi hanno iniziato all’eroina alcuni militari della missione Isaf (International Security Assistance Force, ndr), di ritorno dall’Afghanistan”.

Poi la Gabrieli si è inoltrata nei dettagli della storia: “È successo nel 2007 ed eravamo nella caserma della Folgore a Livorno. Ritengo che quello stupefacente, molto probabilmente, venisse portato direttamente dall’Asia”.

Stando a quanto scrive Andrea Pasqualetto sul Corriere della Sera, potrebbe essere stata proprio la dipendenza dall’eroina la causa dell’abbandono dell’esercito da parte di Alessandra. Nel tunnel della tossicodipendenza, secondo la ex parà, sarebbero entrati anche altri suoi ex commilitoni.