Bologna, preside e prof indagate per studente tredicenne che ha tentato suicidio

Pubblicato il 7 Novembre 2009 - 16:55 OLTRE 6 MESI FA

scuola1Due persone sono indagate dalla procura di Bologna nell’inchiesta aperta sul tentato suicidio del tredicenne che giovedì si è buttato dalla finestra dell’ufficio di presidenza della scuola privata Maestre Pie dell’Addolorata, e che è ancora in coma: sono la preside dell’istituto, suor Stefania Vitali, e la professoressa che quella mattina, fuori da scuola, sorprese alcuni ragazzi (tra cui il tredicenne) con qualche sigaretta.

Per questo poi l’adolescente fu convocato dalla preside. Nel fascicolo del pm Giuseppe Di Giorgio, l’ipotesi di reato iscritta è quella di abuso dei mezzi di disciplina, come previsto dall’articolo 571 del codice penale. Un’iscrizione che risulta un atto dovuto da parte degli inquirenti nei confronti delle indagate, che potrebbero poi eventualmente essere chiamate a difendersi in un ipotetico giudizio.

Le informazioni di garanzia sono state notificate ieri sera alle due donne dagli agenti del commissariato Santa Viola, intervenuti nella scuola per i primi rilievi. I genitori, invece, sono parti lese.