Bologna, soldi per operazioni gratuite: arrestato medico francese

Pubblicato il 27 Dicembre 2012 22:59 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2012 23:35
Bologna, soldi per operazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale: arrestato medico francese

Bologna, soldi per operazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale: arrestato medico francese

BOLOGNA – Duemila euro per operazioni chirurgiche convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale: Jean Marie Gennari, ortopedico di Marsiglia in servizio a Bologna, è stato arrestato per concussione.

Il medico, abilitato ad esercitare in Italia, è stato arrestato in flagranza in una casa di cura convenzionata con il Servizio sanitario (ma all’oscuro delle pratiche del medico): aveva appena intascato da un paziente, ancora steso sul letto, 2.000 euro di banconote tenute da un elastico. Anticipo, per l’accusa, di una dazione più consistente.

Il medico avrebbe costretto il malato, un settantenne affetto da ernia cervicale, a consegnargli il denaro per un’operazione che in realtà è stata a carico della sanità pubblica.

L’inchiesta è partita dalla denuncia di un cittadino marocchino residente a Perugia. Operato alla gamba nel 2011, aveva raccontato ai carabinieri di essere stato costretto dal medico a dargli 4.000 euro, e di aver ricevuto altre richieste di denaro quando, per una serie di complicazioni, c’era stata la necessità di nuove operazioni. Da una serie di telefonate intercettate erano venute fuori le richieste del medico.

Al medico viene contestata la concussione perché operava in strutture private ma accreditate con la sanità pubblica. Ora il Nas indaga per capire se altri in passato siano stati costretti a sborsare denaro.