Cadaveri di due coniugi nel lago di Garda: il figlio confessa l’omicidio dei genitori

Pubblicato il 21 Settembre 2010 17:46 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2010 18:11

Avrebbe ammesso la responsabilità per il duplice omicidio degli anziani genitori Daniele Bellarosa, 46 anni, da ore sotto interrogatorio nella caserma dei carabinieri a Carpi. Al momento, secondo quanto si è appreso, non è ancora chiaro il movente. Il racconto dell’uomo, infatti, sarebbe molto confuso.

Stando alle indagini dei carabinieri, Daniele Bellarosa aveva avuto dissidi con i genitori in passato e l’omicidio potrebbe avere un movente economico. Risulta anche che l’indagato per il duplice assassinio, in alcuni periodi, abbia sofferto di depressione.

La maglietta indossata dalla donna, Francesca di Benedetti, è stato l’elemento che ha condotto i carabinieri di Peschiera del Garda e del nucleo investigativo di Verona, a Daniele Bellarosa. I militari dell’arma hanno infatti scoperto che l’indumento era fatto da una ditta di Carpi (Modena) e hanno chiesto all’azienda l’elenco di tutti i dipendenti.

Da questo sono risaliti anche ai familiari e poi, attraverso un controllo in Comune, hanno scoperto che le foto in due carte d’identità corrispondevano alla fisionomia delle due vittime. E’ stato quindi identificato il figlio.

I carabinieri hanno anche accertato che i rapporti di questi con i genitori erano piuttosto tesi. Non è chiaro il movente all’origine dei delitti. Fin dal primo momento, le indagini dei carabinieri si erano indirizzate verso l’ambito domestico, mentre avevano perso subito di consistenza le ipotesi che potesse trattarsi di un regolamento di conti legato alla criminalità organizzata o la tragica conseguenza di una rapina in villa.