Coronavirus, cellulari tracciati per evitare gli spostamenti? Zaia: “Ottima soluzione”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Marzo 2020 15:12 | Ultimo aggiornamento: 18 Marzo 2020 15:12
Coronavirus, cellulari tracciati per evitare gli spostamenti? Zaia: "Ottima soluzione"

Coronavirus, cellulari tracciati per evitare gli spostamenti? Zaia: “Ottima soluzione” (Foto Ansa)

ROMA – Il tracciamento dei movimenti attraverso i cellulari per limitare la diffusione del coronavirus “secondo me è un’ottima soluzione. Il problema è che siamo in un paese nel quale la limitazione della privacy e di libertà personale sono evocate a ogni piè sospinto. Ma siamo in emergenza, e ci vuole un provvedimento che ci legittimi a fare tutte queste attività”. Lo ha affermato il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato stamani a 24Mattino su Radio 24. “A noi – ha rivelato Zaia – hanno proposto dei software che sono stratosferici, però mi metto nei panni dei cittadini, e quindi bisogna che ci sia una legittimazione giuridica sennò poi va a finir male”.

Coronavirus, a ieri 35 mila i denunciati.

Denunciati per cosa? Per essere usciti di casa senza un buon motivo, perché trovati fuori di casa e anche fuori dai motivi di necessità. Erano fuori, sostanzialmente a spasso. Fuori non per lavoro, non per andare a fare la spesa, non per motivi di salute…Erano fuori perché dell’obbligo, della preghiera, dell’indicazione medica di restare a casa sostanzialmente se ne fregavano.

Trentacinquemila persone denunciate non vuol dire 35 mila che hanno trasgredito e sono andati fuori casa ad aggredire la salute del prossimo e a dare una mano a coronavirus, magari fossero solo 35 mila. Per avere la misura, a spanne ma credibile, di chi se ne frega, sottovaluta, svicola, disobbedisce, si sente furbo, finge di non capire o non capisce davvero occorre moltiplicare (per 20, per 30, per 50?) la cifra dei denunciati. Non tutti quelli che sono  in strada sono per forza di cose controllati, non tutti quelli che escono di casa a dispetto delle ordinanze, della ragione e della salute incappano nei controlli. (Fonte Ansa).