Coronavirus, San Marco in Lamis come Codogno? Quattro positivi dopo il funerale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2020 8:16 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2020 12:07
Coronavirus, Ansa

Coronavirus, San Marco in Lamis come Codogno? Quattro positivi dopo il funerale (foto Ansa)

ROMA – Già si fanno i paragoni: San Marco in Lamis sarà la Codogno di Puglia? Purtroppo è molto probabile. Ma cosa è successo? 

Siamo sul Gargano, nel foggiano. Sembra, come spiega Paolo Russo di Repubblica, che un medico legale abbia rilasciato l’autorizzazione ai funerali di un 75enne prima che fosse noto l’esito del tampone svolto sull’uomo per verificare la presenza del coronavirus. Quei funerali si sono celebrati e il virus si sarebbe così propagato in maniera incontrollata. Già perché l’uomo, tornato proprio da Cremona, è poi risultato positivo. E forse, quando era ancora in vita, aveva contattato parenti e cari. Parenti e cari che ai funerali sono venuti a contatto con decine di altre persone.

“Per una serie di assurdità – spiega il governatore Michele Emiliano – era stato effettuato il tampone e poi in maniera incredibile il cadavere era stato rilasciato per i funerali prima di avere l’esito del tampone. Chiaro che di fronte a un catastrofico errore del medico legale di questo tipo non c’è rimedio”.

I funerali si sono svolti nella chiesa La Collegiata di San Marco in Lamis. L’uomo era molto conosciuto e, inutile dirlo, al funerale ha partecipato tanta, tanta, gente. 

Inutile dirlo già si contano i primi contagiati. Quattro al momento.

“Servono provvedimenti molto intensi. Ho chiesto al presidente del consiglio interventi intensivi nel Foggiano – ha proseguito Emiliano – bisogna agire in fretta ma abbiamo difficoltà a chiudere il cluster”. 

“L’Asl di Foggia sta contattando tutte le persone che hanno preso parte ai funerali del pensionato chiedendo contezza sulle loro condizioni di salute – le parole del sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla – Nello specifico sono al momento una settantina le persone sottoposte a sorveglianza sanitaria”.

Il sindaco poi sottolinea che al funerale avrebbero partecipato oltre 300 persone.

Fonte: La Repubblica.