Genova, 26 agosto. La mail del Comune: “Il Rio Ferreggiano è sicuro”

Pubblicato il 7 Novembre 2011 10:35 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2011 10:36

Maltempo a Genova (LaPresse)

GENOVA – Quando la signora Marina Arenari ha acceso il pc per mandare una email al comune di Genova era il 31 luglio. La signora guardava il torrente Ferreggiano ed era preoccupata: troppi rifiuti gettati nel fiume, anche e soprattutto da chi da quelle parti abita.

“Egregio sindaco – ha scritto la signora in una mail diffusa lunedì 7 novembre dal Corriere della Sera – ha visto in che condizioni è il rio Ferreggiano? So che sono stati stanziati milioni di euro per la pulizia ma il nostro è di seconda categoria?”.

Il Comune ci impiega un po’, ma alla fine risponde e la mail che la signora Arenari riceve il 26 agosto, letta oggi, ha il sapore atroce della beffa: “Egregia signora – si legge nella mail – dal sopralluogo effettuato non sono emerse situazioni di pericolo e/o degrado ma va precisato che tale controllo ha riguardato le sole parti di proprietà del Comune, mentre la pulizia delle restanti aree è a carico dei frontisti privati”. Il Comune, quindi, si impegna a sollecitare i privati ad effettuare la manutenzione. Evidentemente non è bastato.