Gianni Alemanno, pm chiedono rinvio a giudizio per finanziamento illecito

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 settembre 2014 14:54 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2014 14:54
Gianni Alemanno, chiesto rinvio a giudizio per finanziamento illecito

Gianni Alemanno (Foto LaPresse)

ROMA – I pm della Procura di Roma hanno chiesto il rinvio a giudizio per Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma, con l’accusa di finanziamento illecito per le elezioni regionali del 2010. Secondo gli inquirenti, Alemanno e altri 8 avrebbero usato un falso sondaggio per fare “telemarketing politico” in favore dell’allora candidata Renata Polverini, la cui posizione è stata invece archiviata.

L’inchiesta, coordinata dai pm Paolo Ielo e Mario Palazzi, era scaturita da una denuncia presentata dalla società di consulenza Accenture che, dopo aver svolto un’indagine interna, aveva scoperto un giro di false fatturazioni.

Secondo l’accusa la provvista di 30 mila euro, scaturita da false fatture, sarebbe stata impiegata per incaricare una società specializzata ad effettuare il falso sondaggio e portare a termine un’operazione di “telemarketing politico” a favore del listino dell’ex presidente della regione Lazio Polverini.