“Abuso d’ufficio e molestie”, chiesti 12 anni per l’ex patron “Grinzane Cavour”

Pubblicato il 6 ottobre 2012 12:20 | Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2012 12:20

TORINO – Dodici anni di reclusione sono stati chiesti dalla Procura di Torino per Giuliano Soria, l’ex patron del premio letterario “Grinzane Cavour” processato per “uso illecito dei contributi pubblici e per le angherie e le molestie a sfondo sessuale su un suo giovane domestico originario delle Mauritius”.

I pm Valerio Longi, Stefano Demontis e Gabriella Viglione hanno anche proposto sette anni per il fratello di Soria, Angelo, già dirigente del settore Comunicazione istituzionale della Regione Piemonte, e quattro anni e dieci mesi per Bruno Libralon, presidente della scuola internazionale di cucina Icif.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other