Ilva di Taranto, gip: “No al dissequestro”. Fabio Riva arrestato a Londra

Pubblicato il 22 Gennaio 2013 11:39 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2013 13:32
Ilva di Taranto, no al dissequestro: accolta richiesta Procura su legittimità

Ilva di Taranto, no al dissequestro: accolta richiesta Procura su legittimità (LaPresse)

ROMA – I prodotti dell’Ilva di Taranto rimangono sotto sequestro. Patrizia Todisco, gip di Taranto, ha respinto l’istanza di dissequestro dei prodotti dello stabilimento e accolto la richiesta della Procura sollevando questione di legittimità costituzionale della legge 231 ‘Salva Ilva” e inviando gli atti alla ConsultaFabio Riva è stato arrestato a Londra, ma non sarà in Italia prima di un mese.

Anche il Tribunale di Taranto, in funzione di giudice dell’appello, la scorsa settimana aveva sollevato dubbi di costituzionalità della legge 231 rimettendo gli atti alla Consulta e sospendendo il giudizio in attesa della decisione della Corte costituzionale.

La Gran Bretagna ha confermato alle autorità italiane di aver bloccato a Londra il vice presidente di Riva Group, ma ha dichiarato che Riva non sarà in Italia prima di un mese.  Già il 23 gennaio infatti, secondo quanto si apprende, dovrebbe essere fissata l’udienza iniziale per l’estradizione il cui iter è presumibile possa durare tra i 40 e i 60 giorni.