La Spezia, ragazzo ucciso a coltellate: un fermo per omicidio

Pubblicato il 27 Febbraio 2011 - 20:30 OLTRE 6 MESI FA

LA SPEZIA – Un provvedimento di fermo è stato emesso in serata a carico di D.T., di 27 anni, di Carrara (Massa Carrara) per l’omicidio di Jonathan Esposito, il giovane di 27 anni ucciso nella notte davanti al circolo Arci di via Valdilocchi. Quattro i denunciati per favoreggiamento.

Il giovane è morto accoltellato alle 4 e 30 davanti un circo Arci di Valdilocchi ed era residente a La Spezia. Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri del nucleo investigativo di La Spezia, il ragazzo si trovava nel locale con alcuni amici quando si è trovato coinvolto in una rissa con un gruppo di ragazzi. I due gruppi si sono affrontati fuori dal locale ed Esposito è stato colpito con una violenta coltellata all’addome. Gli avventori hanno chiamato il 118 ma inutili sono stati i soccorsi. I carabinieri del nucleo investigativo, intervenuti immediatamente, non hanno trovato il coltello con il quale è stato ucciso il ragazzo.

Alla base dell’episodio un banale diverbio per ragioni calcistiche. La vittima aveva preso parte alla festa di carnevale al circolo Arci: un circolo considerato ”tranquillo”, perché propone concerti live ed eventi musicali, ed opera a stretto contatto col sociale, in più progetti. Dopo che il giovane è uscito – il locale stava chiudendo – i ragazzi all’interno sono stati richiamati dalle urla di una rissa in strada, ma l’accoltellamento c’era già stato.