Maltempo in Calabria, Puglia e Basilicata. Migliora situazione nelle Marche

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2013 - 20:07 OLTRE 6 MESI FA
Maltempo in Calabria, Puglia e Basilicata. Migliora situazione nelle Marche

(Foto Lapresse)

ROMA – Il maltempo imperversa ancora su Calabria, Puglia e Basilicata, mentre nelle Marche e nella provincia di Pescara si fanno i conti dei danni provocati dalle piogge dei giorni scorsi, che hanno provocato frane e smottamenti.

Una coppia di coniugi e una donna, travolti dall’acqua in due diverse zone della Puglia, sono state salvate dalle forze dell’ordine, che hanno anche soccorso un’anziana donna rimasta isolata nel Sannio, in Campania.

La regione più colpita in queste ore è la Calabria, dove pioggia e vento forte stanno provocando allagamenti e ingenti danni. Le zone maggiormente colpite sono quelle della fascia ionica, dove i vigili del fuoco sono intervenuti per frane e allagamenti.

Le zone costiere hanno subito danni per le mareggiate e molte barche hanno rotto gli ormeggi. Alcune strade provinciali del crotonese e dell’alto Ionio cosentino sono state invase da fango e detriti.

Anche la Puglia continua a essere flagellata dal maltempo. Particolarmente colpita la provincia di Taranto, dove lunedì sera due coniugi rimasti in balia della pioggia torrenziale sono stati salvati dalla polizia stradale. Un’altra donna è stata salvata a Corato, in provincia di Bari: mentre guidava la sua auto è stata travolta da acqua e fango, perdendo il controllo della vettura e finendo in un terreno. Sempre in Puglia  è ancora interrotta la statale 106 ionica nei territori di Ginosa e Castellaneta a causa degli allagamenti e per raggiungere Taranto è necessario percorrere la statale 100.

A Marina di Ginosa anche martedì 3 dicembre le scuole sono rimaste chiuse e resta difficile la situazione in alcune contrade. In diverse strade di Castellaneta e Castellaneta Marina ci sono problemi di percorribilità a causa dell’esondazione del fiume Lato.

E’ poi ancora critica la situazione nel Subappennino Dauno, dove le piogge continue hanno incrementato i livelli dei fiumi. E’ invece tornata operativa la linea ferroviaria Foggia-Manfredonia, mentre resta sospesa la circolazione sulla linea Foggia-Potenza e sulla Foggia-Benevento.

In provincia di Matera un supermercato e cinque appartamenti sono stati evacuati nel pomeriggio a Montescaglioso, per una frana che ha provocato l’innalzamento dell’asfalto in una strada ad uno degli ingressi del paese. La frana ha provocato problemi anche all’erogazione del gas e dell’energia elettrica.

La situazione sta migliorando nelle Marche, dove ha smesso di piovere e tutti i corsi d’acqua stanno rientrando negli alvei ma si cominciano a contare i danni prodotti dall’alluvione, dovuti soprattutto alle frane e agli smottamenti nelle province di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo. E anche Pescara comincia a risollevarsi dopo l’eccezionale ondata di maltempo che l’ha colpita dalla notte di domenica: il livello del fiume è cominciato a scendere ma non è ancora rientrato completamento nel suo alveo. Solo da poco l’acqua ha iniziato a ritirarsi, lasciando però dietro di sé una distesa di fango e detriti che ora richiederanno un’intensa opera di bonifica.

In Campania, infine, vigili del fuoco al lavoro per tutta la notte, tra Napoli e provincia, a causa del forte vento che ha abbattuto alberi, cartelloni pubblicitari e ha fatto crollare pezzi di intonato e cornicioni in varie località.