Napoli: parcheggiatori abusivi, sono 2400. Il doppio dei vigili

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 aprile 2018 15:16 | Ultimo aggiornamento: 19 aprile 2018 15:48
napoli: parcheggiatori abusivi, sono 2400. il doppio dei vigili

Napoli: parcheggiatori abusivi, sono 2400. il doppio dei vigili

NAPOLI – Sono 2400 i parcheggiatori abusivi a Napoli: il doppio dei vigili urbani. Lo rivela un nuovo dossier choc dei Verdi che documenta il dilagante fenomeno, con i volti e le mappe della sosta illegale. Per realizzarlo c’è voluto un anno di lavoro e ora consegneranno tutto a Prefetto e Questura.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Secondo lo studio, riportato dal Corriere del Mezzogiorno, ogni giorno un esercito di 2400 persone scende in strada a Napoli e governa la sosta abusiva. Sono distribuiti in tre turni di “lavoro”: mattina e pomeriggio insieme ai vigili, e il turno notturno distribuiti su oltre cento aree.

Ci sono zone attive di giorno come quelle dell’università e degli uffici e zone calde di sera/notte come via Chiaia, via dei Mille. Diverse anche le fasce di prezzo, si può arrivare a pagare addirittura 15 euro per un posto. Diverse sono anche le tipologie di parcheggiatore: c’è lo sbandato o il drogato, o quello messo dalla famiglia camorristica.

L’idea di realizzare un dossier è nata un anno fa su iniziativa del consigliere comunale Marco Gaudini e del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. In 12 mesi i due consiglieri hanno schedato circa 170 abusivi, grazie alle segnalazioni e le foto ricevute via Facebook.

Una pagina intitolata “Io odio i parcheggiatori abusivi” è stata punto di riferimento per la ricerca, con decine di volontari dislocati in città per documentare il fenomeno tramite appostamenti.

“Abbiamo indicato zone e volti dei parcheggiatori”, spiega Borrelli al Corriere che fa anche una stima da capogiro. “In una sola serata un parcheggiatore dello Stadio San Paolo può guadagnare tremila euro”.