Napoli, scippo sotto casa: massacrata di botte per un iPhone

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 ottobre 2014 19:49 | Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2014 19:49
Napoli, scippo sotto casa: massacrata di botte per un iPhone

Napoli, scippo sotto casa: massacrata di botte per un iPhone

NAPOLI – L’ha massacrata di botte per un iPhone. E’ accaduto la scorsa notte a Napoli, in via Monte di Dio. La vittima è una giovane di 19 anni, aggredita dinanzi al portone della sua abitazione mentre rientrava a tarda notte.

L’uomo ha aspettato che la ragazza aprisse il portone per poi spingerla all’interno dell’androne e riempirla di calci e pugni. L’ha colpita prima al volto poi, quando la vittima si è accasciata al suolo, ha infierito sul resto del corpo, per poi fuggire via con la borsetta, lasciandola a terra sanguinante. All’interno c’erano 15 euro e un iPhone.

La giovane è stata soccorsa e ricoverata all’ospedale Loreto Mare. Aveva ferite e contusioni multiple su tutto il corpo, trauma cranico e diverse ferite al volto. La prognosi è di 15 giorni.

Ora è caccia al rapinatore al quale è sfuggito un dettaglio di non poco conto: all’interno del palazzo è installata una telecamera di videosorveglianza grazie alla quale gli investigatori sperano di riuscire a incastrare il malvivente.