No Tav, Lele Rizzo indagato per stalking a operaio. “Non mi farò intimidire”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Giugno 2013 1:01 | Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2013 1:01
Protesta No Tav a Torino (Ansa)

Protesta No Tav a Torino (Ansa)

TORINO – C’è anche Lele Rizzo, uno dei principali leader del movimento No Tav e del centro sociale Askatasuna, tra i quattro indagati per atti persecutori nei confronti dell’operaio della Martina.

Lo conferma lui stesso sul suo profilo Twitter, dove scrive ”non mi faro’ intimidire”, e il sito ufficiale del movimento No Tav che dice che gli altri indagati sono Pier Paolo Pittavino, docente universitario e consulente del ‘legal team’ che difende gli attivisti nei processi, Emanuele di Condove e Alberto di Coazze.