Sanità: a giudizio per corruzione ex direttore generale di Vibo Valentia

Pubblicato il 29 Aprile 2010 0:10 | Ultimo aggiornamento: 28 Aprile 2010 23:50

L’ex direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, Armando Crupi, é stato rinviato a giudizio con l’accusa di corruzione dal gup, Marilena Albarano, a conclusione dell’inchiesta su un presunto giro di tangenti che avrebbe ruotato attorno alla costruzione, mai completata, del nuovo ospedale.

Insieme a Crupi è stato rinviato a giudizio, sempre per corruzione, Domenico Liso, direttore del Consorzio Tie, che si era aggiudicato l’appalto per la costruzione del nuovo ospedale. Il rinvio a giudizio è stato disposto in accoglimento della richiesta fatta dal pm Fabrizio Garofalo.

Crupi avrebbe accettato da Liso il pagamento di una vacanza in Puglia e si sarebbe fatto promettere dal costruttore 200 mila euro per l’acquisto di un appartamento a Roma. Il processo a carico di Crupi e Liso comincerà il sei luglio prossimo.