Spezza piantina di oleandro per donarlo alla fidanzata: rischia 3 anni di carcere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 gennaio 2014 16:31 | Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2014 16:31
Spezza piantina di oleandro per donarlo alla fidanzata: rischia 3 anni di carcere

Spezza piantina di oleandro per donarlo alla fidanzata: rischia 3 anni di carcere

ROMA – Un etiope di 40 anni, nel giugno scorso ha spezzato un rametto di oleandro per donarlo alla fidanzata. L’uomo, nel compiere il gesto avrebbe spezzato due rametti della piantina che si trovava in un aiuola nei pressi della metro Cavour a Roma ed ora rischia una condanna da 6 mesi a tre anni per danneggiamento aggravato.

A fermare e denunciare a piede libero El Israel, questo il nome dell’uomo, sono stati due agenti che hanno applicato il codice alla lettera. La denuncia, malgrado l’entità del gesto, è andata avanti: il pm ha infatti chiesto il rinvio a giudizio, che è stato accolto dal gip. Il processo inizierà il 15 febbraio davanti alla V sezione penale del Tribunale di Roma: il reato è troppo grave ed esula dalla competenza del giudice di pace. Nel capo di imputazione si legge:

“Ha danneggiato, spezzando i rami, un oleandro posto a ridosso di una aiuola decorativa. Con l’aggravante di aver commesso il fatto su un bene esposto per necessità e consuetudine alla pubblica fede”.

 “Può sembrare assurdo, ma la legge è stata applicata in modo corretto. Spezzare volontariamente i rami di una pianta che si trova in un luogo pubblico integra il reato di danneggiamento aggravato. Il problema è del legislatore che non prevede per i maggiorenni l’istituto dell’irrilevanza del fatto e non modifica il principio della obbligatorietà dell’azione penale, imponendo al pubblico ministero di perseguire tutti i reati procedibili d’ufficio”.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other