Ugo Marchic arrestato a Roma: era ricercato per omicidio in Venezuela nel 2012

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Dicembre 2014 18:27 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2014 18:28
Ugo Marchic arrestato a Roma: era ricercato per omicidio in Venezuela nel 2012

Ugo Marchic arrestato a Roma: era ricercato per omicidio in Venezuela nel 2012 (foto Ansa)

ROMA- Arrestato Ugo Marchic a Roma: è accusato di aver ucciso con un colpo di pistola alla tempia un socio d’affari francese per impossessarsi dei suoi beni, facendo a pezzi il cadavere nel tentativo di impedirne il ritrovamento. Per questo l’uomo di 61 anni, che era latitante, è stato posto in stato di arresto provvisorio dai carabinieri del Nucleo investigativo di Roma, accusato di quell’omicidio avvenuto a Puerto La Cruz, in Venezuela, il 28 aprile 2012.

Su di lui pendeva un mandato d’arresto europeo, a scopo di estradizione, emesso il 20 settembre dell’anno scorso dalla Corte d’Appello di Parigi. L’uomo aveva con sé documenti falsi sui quali aveva modificato alcune lettere del cognome. I militari lo hanno individuato in un camping vicino a Fiumicino, dove da qualche tempo aveva stabilito il suo domicilio. Marchic era stato già arrestato nel 2012 in Lombardia, ma in quella occasione non era stata perfezionata la procedura di estradizione.

La vittima, Paul Maurice Wolnerman, un francese di 71 anni, aveva in programma di trasferirsi a Santo Domingo e aveva affidato a due persone che riteneva di fiducia, Marchic e un tassista venezuelano di 46 anni, la procura per vendere una barca, un appartamento e un’auto e incassare il denaro a suo nome.

Così i due avrebbero deciso di ucciderlo. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, lo hanno invitato a casa e, dopo averlo narcotizzato con del sonnifero versato nel caffè, gli hanno sparato. Poi hanno cercato di occultare il cadavere facendolo a pezzi con una sega e gettandolo in parte nel mare e in parte in un canale.

Le gambe, le braccia e la testa non sono state ritrovate mentre grazie al rinvenimento del tronco, avvolto in sacchi di plastica, in uno dei canali della Marina Amerigo Vespucci che sfociano sulla spiaggia di Puerto Morro, le forze dell’ordine sono riuscite a identificare il francese, del quale i familiari avevano denunciato la scomparsa, e ad avviare le indagini per l’omicidio.

Subito i sospetti si sono concentrati sul tassista, arrestato lo scorso agosto in Venezuela, e su Ugo Marchic, originario di Perugia e già con precedenti per traffico di droga, che intanto aveva venduto l’appartamento e la barca della vittima, incassando il denaro. E’ fuggito in Italia in compagnia di una donna venezuelana stabilendosi inizialmente in un campeggio in provincia di Firenze, confidando nel fatto che il mandato di cattura internazionale era stato emesso a nome di Marco Antonio Ferrari Martinez, la falsa identità che aveva assunto in Venezuela, dove era residente da diversi anni.

Proprio grazie a un ‘mi piace’ sulla pagina Facebook della donna, riferito al profilo del campeggio, gli investigatori sono riusciti a ricostruire gli spostamenti del latitante, che intanto si era trasferito in provincia di Novara. Risalendo, in seguito, alla sua vera identità grazie a contatti telefonici con alcuni conoscenti a Gallarate, nel Varesotto. Si trovava in stazione Centrale a Milano quando fu fermato dalla Polizia ferroviaria per un controllo e identificato come il presunto responsabile dell’omicidio. Successivamente, per motivi burocratici legati all’estradizione, l’uomo era tornato libero e negli ultimi tempi si era stabilito a Fiumicino, dove è stato bloccato dai carabinieri.