Vaccini over 80 in Lombardia, anziani in coda al gelo, alcuni sono stati rimandati a casa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Aprile 2021 12:40 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2021 12:41
Vaccini over 80 in Lombardia, anziani in coda al gelo, alcuni sono stati rimandati a casa

Vaccini over 80 in Lombardia, anziani in coda al gelo, alcuni sono stati rimandati a casa (Foto Ansa)

File di anziani al gelo per fare il vaccino anti Covid promesso agli over 80 rimasti ancora senza, qualche centro vaccinale costretto a respingere chi era in coda, ma anche centri allestiti per la somministrazione in cui, però, non si è presentato nessuno. E’ la situazione della Lombardia indietro con i vaccini, che tenta di recuperare e raggiungere le altre regioni italiane. 

“Dal 7 aprile gli over 80 non chiamati vadano al centro più vicino”, l’invito lanciato pochi giorni fa dall’assessore regionale alla Sanità Letizia Moratti. Ma l’esito non è stato quello sperato. 

Vaccini agli over 80 non registrati: disagi in Lombardia

A Milano gli over 80 che, pur essendosi registrati sul portale di Regione Lombardia, non avevano ricevuto la prenotazione per i vaccini, si sono riversati soprattutto negli hub più centrali come il Pio Albergo Trivulzio, il Fatebenefratelli, il Policlinico o l’ospedale militare di Baggio, provocando qualche coda e causando qualche ritardo nel ritmo delle somministrazioni.

Al Pio Albergo Trivulzio, la Baggina di Milano, mercoledì mattina si sono presentate 250 persone in più e alla fine sono state vaccinate 880 persone invece delle 624 previste.

Diversa la situazione alla Fabbrica del Vapore, allestita proprio per somministrare i vaccini: qui, riferisce il Fatto Quotidiano, erano attesi più di 1.500 over 80 e disabili registrati e molti over 80 privi di appuntamento, ma non si è visto quasi nessuno.

Anziani dirottati in altri centri

Difficile anche la situazione al drive through di via Novara, vicino al parco di Trenno, al centro vaccinale della ex Filanda di Cernusco sul Naviglio e al punto vaccinale di Binasco, dove i responsabili hanno dovuto dirottare altrove gli anziani senza prenotazione perché sprovvisti di dosi.

Stesso discorso a Voghera, dove circa 50 anziani sono stati rimandati a casa, e all‘Ospedale vecchio di Monza, dove si sono formate code ed è stato quindi necessario mandare alcune decine di persone all’Autodromo dove sono state allestite altre linee vaccinali.

Il nuovo portale per le vaccinazioni

Nel frattempo, Regione Lombardia ha ‘disattivato’ il tanto discusso portale realizzato dalla controllata Aria Spa per la vaccinazione degli over 80, lasciandolo operativo solo per la campagna degli operatori scolastici.

A partire da oggi, infatti, gli over 80 che non hanno ancora aderito alla campagna vaccini possono registrarsi sul portale di Poste Italiane, sul quale la prenotazione è diretta e non necessita di una pre-adesione.