Cronaca Italia

Venezia, stella di David a scuola: protesta una mamma musulmana

stella_giallaVENEZIA – La consegna ai bambini di una scuola elementare di Marghera (Venezia) di una stella di David di cartone giallo da portare a casa, come simbolo del Giorno della Memoria celebrato il 27 gennaio, è stata contestata dalla mamma di uno dei piccoli alunni, una donna italiana convertita all’Islam. Quest’ultima, Silvia Olivetti, ha ritenuto il gesto della scuola “una forma di violenza” e l’ha fatto presente alle maestre.

“È vietato indossare il velo islamico a scuola o al lavoro – ha detto la donna alla ‘Nuova Venezia’ – ma è obbligatorio indossare la stella di David il giorno della memoria. Massimo rispetto per una tragedia indicibile, costata la vita a 5 milioni di esseri umani. Ma per ricordarla e dolermene non devo per forza uscire con la stella gialla sul cappotto o con la kippah”.

Secondo la giovane madre la stella di David è inoltre un simbolo non solo della Shoah, ma anche di sofferenza per le popolazioni dei paesi musulmani che vi riconoscono invece lo stato di Israele. Un’insegnate della scuola ha tuttavia replicato che la stella di David faceva solo parte delle iniziative dell'”archivio della memoria” – come cartelloni, letture, canti ed altro – organizzate per ricordare la tragedia degli ebrei e che in ogni caso non c’era alcun ‘obbligo’ per i bimbi ad indossarla.

To Top