Basta nozze riparatrici dopo lo stupro: svolta in Marocco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 gennaio 2014 20:53 | Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2014 20:54

 

Basta nozze riparatrici dopo lo stupro: svolta in Marocco

Il re del Marocco, Maometto VI

RABAT – Nozze riparatrici per gli stupratori, il Marocco dice basta. D’ora in avanti chi violenta una donna non potrà più evitare il carcere sposandola, come la legge vigente finora prevedeva. Con questa norma del codice penale si era finiti per avere stupri di ragazze, anche bambine, che venivano poi costrette al matrimonio con il loro carnefice.

Grazie all’appassionato lavoro delle Organizzazioni delle donne e di quelle per i diritti umani, oltre che di alcuni partiti politici, il parlamento marocchino ha votato all’unanimità l’emendamento che cancella la possibilità di ricorrere a nozze riparatrici dopo uno stupro. E ha onorato così la memoria di Amina el Falili, la sedicenne che il 10 marzo del 2012 con il suicidio lanciò il suo disperato no all’imposizione delle nozze con il suo aguzzino e tracciò per prima la rotta che ha condotto il Marocco compiere una scelta auspicata da tempo. Allora, il caso di Amina aveva profondamente colpito il Paese e aveva fatto il giro del mondo. Il governo a impronta islamica aveva deciso così di dare il suo benestare ad una modifica della legge e nel 2013 una parte del parlamento aveva votato a favore dell’emendamento.

Da mesi, inoltre, l’organizzazione non governativa Avaaz aveva cominciato una raccolta di firme per sostenere la richiesta degli attivisti marocchini, sostenuta da giganti della lotta per diritti umani come Amnesty International. 

L’organizzazione con base a Londra ha accolto con favore la decisione di Rabat ribadendo tuttavia che il Paese ”ha ancora bisogno di una strategia globale per proteggere le donne dalla violenza”, ha detto Hassiba Sahraoui, vice direttore di Amnesty per Medio Oriente e Nord Africa, che si augura che presto anche ”Algeria e Tunisia si incamminino sulla stessa strada”.

Sahraoui ha anche sottolineato come una tale decisione scardina in qualche modo i tradizionali concetti di ‘onore’, ‘decenza’, ‘verginità’: ”Donne e bambine, ha detto, hanno valori umani intrinseci e il loro valore non può essere stabilito a partire dalla situazione familiare o dal fatto che siano o meno illibate”.

Ora la battaglia, ricorda Fatima Maghnaoui, responsabile di una Ong che tutela le vittime della violenza, si sposta sulla richiesta di ”una revisione complessiva del codice penale sulle donne”. La ministra della Famiglia, Bassima Hakkaoui, nel 2012 aveva reso noto che 6 milioni di donne (su 34 milioni di abitanti) erano state vittime di violenza e oltre la metà in seno alla famiglia. Il codice di famiglia (moudawana), varato 10 anni fa, sembra già invecchiato e secondo le attiviste marocchine i prossimi passi saranno proprio quelli che chiederanno di rivedere le norme sulla poligamia e sulla violenza sui minori e i matrimoni imposti sotto i 18 anni di età, ancora consentiti perché i giudici chiudono un occhio.

Le cifre parlano chiaro: per fonti concordanti dai 30 mila del 2008 si è passati agli attuali quasi 40 mila matrimoni con minori. Ma oggi per molti è stato un grande giorno: ”Oggi Amina el Filali può riposare in pace” ha detto la deputata del Partito Autenticità a Modernità (Pam), Khadija Rouissi.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other