In Argentina italiani imbarazzati dal bordello “Palacio Berlusconi”

Pubblicato il 7 Ottobre 2011 14:43 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2011 17:15
Palacio Berlusconi

Ballerine in azione nel Palacio Berlusconi

ROSARIO – Un bordello chiamato “Palacio Berlusconi” ha aperto i battenti alla fine di gennaio a Rosario, in Argentina. Dopo 9 mesi, per gli italiani nella città l’imbarazzo è evidente. Antonio Bruzzese, Presidente in Argentina della Confederazione degli artigiani e dell’Associazione Insieme Argentina, fa scattare una protesta contro il sindaco di Rosario, Roberto Lifschitz e al Console Generale, Rosario Miccichè.

Bruzzese, secondo quanto riportato dal sito emigrazione-notizie.org, esprime la sua indignazione per l’uso di un nome che in questo momento rappresenta l’Italia, per un locale di prostituzione di lusso. Per questo motivo, Bruzzese ha fatto arrivare la sua protesta in una lettera al sindaco di Rosario:

“Egregio Sig. Sindaco,Voglio esporre la mia profonda indignazione per l’esistenza nella città di Rosario di un luogo di dubbia moralità, che porta il nome del Primo Ministro del mio paese, Silvio Berlusconi, chiamato “ Palazzo Berlusconi”, un bordello destinato a un pubblico di alto livello economico.É molto offensivo che si sia permesso in questo comune l’utilizzo del nome di una delle massime cariche dell’Estato italiano. Non é la mia intenzione giudicare la moralitá di Berlusconi, tanto meno uscire alla sua difesa, perche il tema trascende la persona e ridicolizza il paese che rappresenta, al di lá della sua gestione di governo.Mi auguro da sua parte la comprensione di un tema cosi delicato e una rapida risoluzione, in difesa dell’italianitá e le relazioni tra i nostri paesi”.