Coronavirus ha reso mascherine e carta igienica i beni più preziosi al mondo. E un cinese miliardario

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Marzo 2020 6:48 | Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2020 19:08
Coronavirus ha reso mascherine e carta igienica i beni più preziosi al mondo. E un cinese miliardario

Coronavirus ha reso mascherine e carta igienica i beni più preziosi al mondo. E un cinese miliardario (Foto Ansa)

Coronavirus ha reso carta igienica e tessuti soffiati a fusione, cioè il materiale con cui sono fatte le mascherine chirurgiche, i beni più preziosi del mondo. Lo sostengono alcuni analisti finanziari. Lo riporta il Financial Times di Londra, celebrando i fasti imprenditoriali di un cinese.

Diventato ricchissimo grazie alle mascherine, costui, Yu Xiaoning , ha scoperto che la sua idea di fare mascherine chirurgiche con uno speciale tessuto fatto con polimeri, quando si è diffusa l’epidemia è stato come stampare banconote.

I tessuti porosi soffiati a fusione non tessuta, in inglese “melt-blown fabrics“, secondo Wikipedia, “possono essere utilizzati nella filtrazione di materiali gassosi e liquidi. Queste applicazioni includono trattamento delle acque, maschere, filtro dell’aria condizionata, ecc. “.

L’emergenza sanitaria che dalla Cina si è diffusa in Europa e negli Stati Uniti, ha comportato una carenza mondiale di mascherine chirurgiche. Al contempo si è creata un’impennata della domanda per i tessuti a base di polimeri utilizzati nei rivestimenti protettivi, un mercato in cui la società Dawn Polymer di Yu sta lottando per mantenere il controllo.

“La competizione per i tessuti soffiati a fusione è diventata la chiave per la prevenzione dell’epidemia globale”, ha affermato Xue Zhanzhong, analista di Hengtai Securities. “La soglia tecnica e il processo di produzione sono i motivi per cui di recente il prezzo dei tessuti soffiati a fusione è salito”.

In Cina, con una fetta di mercato stimata al 40% per i tessuti speciali utilizzati nelle maschere, le azioni di Dawn Polymer quotate a Shenzhen sono aumentate del 417% nelle sei settimane successive al 20 gennaio, quando la nazione cinese è stata allertata della diffusione del virus.

Il valore delle partecipazioni di Yu e della moglie Han Limei nella società che controllano, il 9 marzo è aumentato di oltre $ 1,9 miliardi, cinque volte rispetto al mese precedente.

“La richiesta di maschere è estremamente forte e si prevede che i tessuti soffiati a fusione nella prima metà dell’anno aumenteranno in modo significativo la redditività della Dawn Polymer”, ha scritto l’analista di Huaxin Securities, Yang Wei, in un recente rapporto.

Yu è nel settore delle materie plastiche dagli anni ’90 ed è stato direttore generale di un gruppo di gomma e materie plastiche nella piccola città di Longkou, Shandong, nella Cina orientale.

Ha lanciato Dawn Polymer nel 2002 e nel 2003, durante l’epidemia Sars (sindrome respiratoria acuta grave) ha iniziato a perfezionare la produzione di tessuto soffiato a fusione. “A causa della Sars, nel 2003 abbiamo cambiato il tessuto: da una serie di tipi siamo passati a un prodotto fondamentale su cui concentrarci”, ha dichiarato Yu in un’intervista recente alla rivista Chinese Entrepreneurs.

“Dopo 17 anni siamo diventati un produttore nazionale leader in termini di tecnologia e produzione”. Una schiera di aziende si è lanciata nel mercato della produzione di maschere, riconvertendo spesso le fabbriche nell’assemblaggio del prodotto. Alcuni grandi gruppi cinesi, tra cui il gigante Sinopec, hanno annunciato che inizieranno la produzione dei tessuti.

Ma gli analisti hanno avvertito che la lotta per il dominio nel mercato di quella che oggi è una delle materie prime più ricercate al mondo – insieme alla carta igienica – dipenderà dalla capacità di produrre tessuti polimerici appositamente progettati per le maschere.

Secondo Xue, di Hengtai Securities, i tessuti soffiati a fusione sono relativamente facili da produrre, ma il livello di qualità richiesto per gli inserti di maschere chirurgiche rende molto più difficile l’ingresso nel mercato.

Fondamentale è la capacità di creare materiali in polipropilene di alta qualità che a determinate temperature abbiano un’alta resistenza. “E’ il motivo per cui sono anche un po’ preoccupato”, ha detto Yu agli imprenditori cinesi. “Se tutti tentano di produrre i tessuti alla cieca ciò influirà sulla qualità del prodotto”.