Israele: il rabbino capo sefardita Yitzhak Yosef chiama “scimmie” le persone di colore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 12:37 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 12:37
Yitzhak Yosef, rabbino capo di Israele, chiama "scimmie" i neri

Israele: il rabbino capo sefardita Yitzhak Yosef chiama “scimmie” le persone di colore

ROMA – Il capo rabbino Yitzhak Yosef, che rappresenta gli ebrei sefarditi, ha paragonato durante un sermone le persone di colore, nominate con una parola dispregiativa ebraica (“kushi”), alle “scimmie”.

La circostanza è rimbalzata fino a New York, sede dell’Anti-Defamation League: l’organizzazione Usa che combatte antisemitismo e razzismo, ha denunciato le sue parole come “razzialmente orientate” e “assolutamente inaccettabili”.

Durante il sermone del sabato sera discuteva di questioni legate all’ortodossia nelle benedizioni, ha fatto riferimento a un incontro con un uomo nero qualificandolo appunto con espressioni denigratorie e con il paragone offensivo.

Il suo ufficio ha giustificato il suo intervento quale citazione del Talmud. Il rabbino non è nuovo a frasi e posizioni diciamo così controverse: l’anno scorso aveva detto che le “donne non religiose (secular, ndr.) si comportano come animali perché vestono senza modestia”. Nel 2016 fu costretto a ritrattare l’argomentazione secondo cui “i non ebrei non dovrebbero vivere in Israele”, limitandosi ad aggiungere “teoricamente”.

Israele ha due rabbini-capi: Yosef rappresenta gli ebrei sefarditi originari della penisola iberica, del nord Africa e del Medio Oriente, David Lau rappresenta gli ebrei askenaziti originari dell’Europa dell’est.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other