Maltempo in Australia: adolescenti fanno rafting, arrestati

Pubblicato il 28 Dicembre 2010 - 07:56 OLTRE 6 MESI FA

Tre adolescenti nel nordest alluvionato dell’Australia sono stati tratti in salvo, e prontamente arrestati, dopo aver navigato in un fiume in piena su materassini gonfiabili per cercare di raggiungere la città di Brisbane, più di 30 km a valle. I tre ragazzi, due di 17 e uno di 18 anni, avevano già percorso 15 km e la polizia aveva ricevuto numerose chiamate da residenti allarmati che li avevano visti trascinati dalla corrente.

Dopo estese ricerche della polizia e dei servizi di emergenza con battelli e un elicottero sono stati avvistati e tratti in salvo. Un portavoce della polizia ha descritto il loro comportamento come ”stupido e pericoloso”, aggiungendo che i tre dovranno comparire in tribunale sotto accusa di ‘pubblico disturbo’.

Piogge torrenziali nel nordest dell’Australia, seguite al passaggio del ciclone Tasha, hanno causato le piu’ gravi inondazioni in 50 anni, con centinaia di evacuazioni e gravissimi danni ai raccolti. Decine di località sono state dichiarate zone di catastrofe naturale, il che permette alla polizia di costringere gli abitanti ad evacuare se necessario.