McDonald’s cede asset in Cina, l’ hamburger diventa statale

Pubblicato il 11 gennaio 2017 15:13 | Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2017 15:13
Un McDonald's in Cina

Un McDonald’s in Cina

CINA, PECHINO – I fast food di McDonald’s in Cina finiscono nel portafoglio della conglomerata statale Citic, in un’operazione che stima il business in 2,1 miliardi di dollari. A Citic e alla sussidiaria Citic Capital passa così il 52% del capitale della Newco, mentre la compagnia di private equity The Carlyle Group, basata a Washington, il 28%.

A McDonald’s, liberatasi in questo modo dell’80%, resta un residuo 20% della holding in cui confluiscono le attività di Cina continentale e Hong Kong. Al leader mondiale dei fast food, i cui hamburger sono un misuratore comparativo del costo e della qualità della vita nei singoli Paesi, va un corrispettivo in contanti e azioni di nuova emissione, nell’ambito dell’intesa che ha la durata di 20 anni sui diritti di licenza.

La transazione sarà chiusa a metà 2017 dopo il via libera delle autorità di regolamentazione. Nei prossimi 5 anni, saranno aperti altri 1.500 ristoranti tra la Cina, soprattutto centrale e orientale e l’ex colonia britannica, rappresentando l’accordo di franchising più grande del suo genere siglato dalla compagnia fuori dagli Usa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other