Migranti, naufragio davanti alle coste della Libia. Unhcr: “150 morti, 150 soccorsi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Luglio 2019 16:58 | Ultimo aggiornamento: 25 Luglio 2019 17:30
Migranti, naufragio davanti la Libia

Migranti nel mar Mediterraneo (Foto archivio ANSA)

ROMA – Un barcone è naufragato davanti alle coste della Libia il 25 luglio e almeno 150 migranti sono morti, secondo un portavoce dell’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati. Altre 150 persone invece sarebbero state soccorse. 

Secondo una prima ricostruzione della Guardia costiera libica, due barconi con a bordo 300 persone era partito da Khoms, oltre 100 chilometri a est di Tripoli. Le due imbarcazioni si sono capovolte mentre erano in mare e 137 migranti sono stati recuperati e riportati in Libia. Charli Yaxley, portavoce dell’Unhcr, ha confermato: “Stimiamo possano essere 150 i migranti affogati e morti”.

Filippo Grandi, alto commissario Onu per i rifugiati, ha commentato su Twitter: “Nel Mediterraneo si è verificata la più grande tragedia di quest’anno. Ripristinare il soccorso in mare, porre fine alle detenzioni di migranti e rifugiati in Libia, assicurare passaggi sicuri per uscire dal Paese. Deve avvenire ORA, prima che sia troppo tardi per altri disperati”. (Fonte ANSA)