Narcos in Messico, nove cadaveri appesi su un ponte come avvertimento al cartello rivale

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Novembre 2021 17:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2021 13:32
Narcos in Messico, nove cadaveri appesi su un ponte come avvertimento al cartello rivale

Narcos in Messico, nove cadaveri appesi su un ponte come avvertimento al cartello rivale FOTO ARCHIVIO ANSA

In Messico continua implacabile la sanguinosa guerra narcos tra cartelli della droga per il controllo del territorio. Recentemente come monito a una gang rivale, dei narcos hanno appeso su un ponte nove cadaveri.  Secondo quanto riportato dal Sun, una decima vittima è stata scoperta dai residenti inorriditi, su una strada vicina al ponte nel comune di Zacatecas di Cuauhtémoc. Gli agenti hanno spiegato che gli omicidi potrebbero essere collegati a un feroce conflitto tra spietate gang criminali che agiscono nella zona.

I narcos e gli omicidi per la droga

Secondo i media locali, la maggior parte delle vittime viveva nella cittadina di Cuauhtémoc, con una popolazione di appena 6.660 abitanti. “Pagano per i peccati degli altri, non è giusto che ci facciano questo”, ha detto una persona del posto a TV Azteca Noticias. Un’altra ha aggiunto: “La sera abbiamo paura di uscire. Andiamo a dormire presto e ogni notte c’è rumore, moto che sfrecciano, urla”.

A Fresnillo, circa 70 km di distanza da Zacatecas, a giugno tre cadaveri sono stati appesi a un ponte. Secondo quanto riferito, i seguaci di El Chapo hanno torturato, ucciso e  mutilato persone appartenenti a bande rivali e poi appeso i loro corpi.

Il precedente della testa mozzata

A maggio, un cartello di Tijuana ha appeso una testa mozzata da un ponte, nel quartiere di Sánchez Taboada.
Una drammatica escalation nella ferocia usata dai cartelli durante una violenta guerra per il territorio che continua a inghiottire il Messico. Il feroce Jalisco New Generation Cartel (CJNG) è considerato la gang criminale più pericolosa e potente del Messico. Il presidente della nazione, Andres Manuel Lopez Obrador, ha annunciato che a Cancun, nel tentativo di frenare l’aumento della criminalità, sta schierando in modo permanente le truppe della Guardia Nazionale.

A Tulum il mese scorso, durante una sparatoria tra membri di una gang, sono stati uccisi due turisti.
Il governo messicano ha affermato che in media quest’anno, ogni mese sono morte 2.400 persone a causa della violenza delle bande. A settembre, ben 21.495 persone sono rimaste vittime dei cartelli.