Niente sali da bagno, solo marijuana: cosa ha scatenato il cannibale di Miami?

Pubblicato il 28 Giugno 2012 - 10:53 OLTRE 6 MESI FA
CANNIBALE

Il cannibale e la sua vittima

LOS ANGELES – Niente sali da bagno, niente virus zombie in giro, Rudy Eugene ha fumato solo marijuana: le analisi scientifiche smentiscono che il cannibale di Miami abbia assunto altre droghe.

A rilanciare la notizia è il sito americano “The Huffington Post”. Come è dunque possibile che si siano scatenati certi comportamenti senza stupefacenti?

“Il dipartimento ha escluso la presenza dei più comuni componenti dei così chiamati sali da bagno, che ricalcano gli effetti della cocaina, della metanfetamina e sono stati associati con i più bizzarri crimini degli ultimi mesi. Un laboratorio tossicologico indipendente, che ha revisionato i risultati, ha nuovamente confermato l’assenza di bath salts, marijuana sintetica o Lsd”.

Perché allora Rudy ha sbranato il volto dell’homeless Ronald Poppo? “Un tossicologo afferma che la marijuana, di per sé, non sarebbe stata sufficiente a causare comportamenti come quelli di Eugene. ‘Il problema, oggi come oggi, è che c’è praticamente un numero infinito di sostanze chimiche che possono causare questo tipo di comportamenti”, ha detto Bruce Goldberger, tossicologo all’Università della Florida.

Goldberger aggiunge: “Ci sono moltissime droghe sintetiche che non siamo in grado di scovare, non è colpa del laboratorio di tossicologia”. Ci sono studiosi che “non escludono del tutto la rilevanza della marijuana”.