Dl Rilancio in ritardo, scaduta la norma che vieta i licenziamenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Maggio 2020 9:02 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2020 9:02
Dl Rilancio in ritardo, scaduta la norma che vieta i licenziamenti

Dl Rilancio in ritardo, scaduto il divieto di licenziamento (Ansa)

ROMA – Ritardo burocratico associato a svista di governo: la norma che prescriveva il divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo da domenica scorsa non è più in vigore.

In pratica, finché il sospirato nuovo decreto (dl Rilancio) non verrà bollinato dalla Ragioneria, controfirmato dal presidente della Repubblica e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, chi vuole potrà attuare di nuovo i licenziamenti per motivi economici.

E’ successo che la norma introdotta dal decreto Cura Italia aveva validità di due mesi e avrebbe dovuta essere  prorogata dal decreto Rilancio per altri tre mesi (in pratica dal 1. 

Solo che la proroga avrebbe consentito la conservazione del divieto di licenziamento a patto che il nuovo decreto fosse pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale prima che scadesse il termine dei 60 giorni.

Non è accaduto.

Ancora un giorno (ma intanto i licenziamenti effettuati da domenica scorsa fino all’esecutività del nuovo decreto saranno incontestabili.

La manovra monstre del Dl Rilancio non è ancora operativa.

Le coperture del decreto, realizzate con lo scostamento del deficit, richiedono ancora un difficile lavoro di cesello e la Ragioneria dello Stato è ancora al lavoro per la ‘bollinatura’ che poi consentirà al presidente della Repubblica la controfirma del decreto e la pubblicazione.

“Nelle prossime ore andrà in Gazzetta Ufficiale e diventerà legge”, ha assicurato il ministro per i rapporti con il Parlamento Federico D’Inca.

Parla invece di “cinico calcolo” la Lega per “impedire con ritardi e farraginosità normative l’accesso alla ‘potenza di fuoco’ millantata”. (fonti La legge per tutti e Ansa)