Germania, Europa, banche, Corrado Passera, intervistato per la Sueddeutsche Zeitung: l’Europa ha bisogno della Germania

Germania, Europa, banche, Corrado Passera, intervistato per la Sueddeutsche Zeitung: l'Europa ha bisogno della Germania, è un principio ineludibile"

a cura di Sergio Carli
Pubblicato il 26 Dicembre 2023 - 09:53
Germania, Europa, banche, Corrado Passera, intervistato per la Sueddeutsche Zeitung: l'Europa ha bisogno della Germania

Germania, Europa, banche, Corrado Passera, intervistato per la Sueddeutsche Zeitung: l’Europa ha bisogno della Germania

Germania, Europa, banche. Corrado Passera, intervistato per la Sueddeutsche Zeitung di Monaco di Baviera, parte da un principio ineludibile: l’Europa ha bisogno della Germania”

Sueddeutsche Zeitung è uno dei più importanti e autorevoli quotidiani tedeschi. Gli intervistatori, Thomas Fromm e Melke Schreiber, ricordano che Corrado Passera, 68 anni, “è uno dei manager più importanti del Paese.

L’elenco dei suoi datori di lavoro è lungo, tra cui la grande banca Intesa Sanpaolo, Poste Italiane e un incarico politico a Roma come Ministro dello Sviluppo Economico dal 2011 al 2013. Nel 2018 ha fondato la banca digitale Illimity. 

Tema centrale dell’intervista e il ruolo della Germania.

SZ: Alcuni considerano la Germania ancora una volta il “malato d’Europa”. Alla luce delle attuali discussioni sul freno all’indebitamento e sulla crisi di bilancio miliardaria: la Germania è ancora un Paese in cui investire? 

“La Germania è la Germania e sono fermamente convinto che il Paese manterrà il suo ruolo di leadership in Europa. Sia politicamente, economicamente e tecnologicamente. L’Europa ha bisogno della Germania. Spero quindi anche che la Germania possa continuare a svolgere questo ruolo insieme all’Italia e alla Francia.”

SZ: Come vede il Suo governo? Il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il suo partito Fratelli d’Italia sono considerati post-fascisti, e in Germania in particolare c’è stata grande preoccupazione quando è entrata in carica.

“Attualmente in Europa sono pochi i governi che dispongono di una maggioranza netta e l’Italia è uno di questi. Questo è un vantaggio. Personalmente, e questo è risaputo, sono lontano da posizioni e ideologie di destra, ma: finora il governo di Roma ha fatto in gran parte bene il suo lavoro. Ci sono ovviamente delle eccezioni. Ad esempio, l’imposta sugli utili per le banche, che è stata una decisione sbagliata perché ha cambiato retroattivamente le regole del gioco, ma alla quale è stato poi posto rimedio. 

Tuttavia, mi preoccupano di più i risultati delle elezioni nei Paesi Bassi e la crescita del partito “Alternative fuer Deutschland”.”

SZ: Di cosa hanno maggiormente bisogno di occuparsi oggi i governi europei?

“Oltre all’ambiente e all’energia, soprattutto: l’istruzione, la sanità, la demografia, le grandi differenze sociali. Si tratta di problemi che devono essere affrontati con urgenza e a lungo termine.”

Gli intervistatori passano al problema delle banche.

SZ: Il tasso di insolvenza del prestito della vostra banca Illimity è solo dell’1,2%, un valore molto basso. Come funziona? 

“Illimity non è una banca universale, siamo specializzati in piccole e medie imprese che necessitano di una ristrutturazione o che riteniamo abbiano ancora buone opportunità di crescita. E abbiamo con noi brave persone che non solo sviluppano i piani aziendali che finanziamo per i nostri clienti, ma li implementano anche.”

SZ: Sono migliori delle persone che lavorano nelle banche universali?

“Per me è importante avere le persone giuste con la giusta esperienza. E questa non deve necessariamente essere esperienza bancaria. Abbiamo persone provenienti da più di 20 settori che lavorano per noi, il 70% di loro non ha mai lavorato in una banca.”

SZ: È questo uno dei problemi delle grandi banche: che impiegano troppi banchieri?

“Le innovazioni non hanno solo bisogno delle giuste tecnologie, ma anche della diversità del personale. La mia opinione personale è: le banche dovrebbero rivolgersi a persone competenti provenienti da settori che sono già più avanzati nelle questioni digitali. Ciò vale anche per altri settori: se hai un’azienda in cui tutti hanno la stessa esperienza, la stessa cultura e lo stesso background, difficilmente riuscirai a tenere il passo a lungo termine. Abbiamo bisogno di squadre molto eterogenee provenienti da mondi diversi.” 

SZ: Abbiamo capito bene: pensa che il modello di banca universale sia obsoleto? Quindi le banche che, come Deutsche Bank, offrono sia attività di investment banking che attività con clienti privati? 

“Ho diretto la più grande banca universale italiana, Intesa San Paolo, e non sono certo contrario a questo modello di business. Ma fino a dieci anni fa per essere competitivi serviva una certa scala. Oggi non è più così. Le dimensioni sono ancora un punto di forza, ma non l’unico. Puoi anche diventare forte utilizzando le nuove tecnologie come i servizi cloud. Inoltre, l’attività dei clienti sta diventando sempre più impegnativa, motivo per cui vedo qui sempre più compiti per le banche specializzate.”

SZ: Come sarà il mercato bancario del futuro? 

“Vedremo ancora grandi banche come Deutsche Bank o Commerzbank in Germania. In Italia abbiamo due grandi banche di rilevanza europea, Intesa San Paolo e Unicredit, e anche le Poste Italiane sono molto attive nei rapporti con la clientela finanziaria. Ma in futuro vedremo istituti più specializzati e più piccoli. E in futuro sempre più servizi bancari classici saranno gestiti da aziende tecnologiche o da piattaforme specializzate che non sono banche.”

SZ: Più banche? Un paese come la Germania è già oggi sovraffollato; abbiamo molte banche, casse di risparmio e istituti cooperativi.

“La Germania è davvero un caso speciale. Ci sono state grandi ondate di consolidamento in molti altri paesi negli ultimi anni. In Italia avevamo più di 1000 banche diverse, oggi sono meno di 100.”

SZ: La Germania dovrebbe riformare il mercato bancario e privatizzare le casse di risparmio?

“Non è compito mio dare consigli in questa sede. Ma il consolidamento e la privatizzazione del mercato bancario in Italia ci hanno sicuramente portato ad avere “C’è più concorrenza oggi, servizi migliori e una migliore redditività.”

SZ: Abbiamo bisogno di un maggiore consolidamento in Germania e in Europa?

“Ciò avrebbe senso nel complesso. L’Europa ha bisogno di attori globali, dobbiamo essere in grado di competere a livello internazionale con le grandi banche americane e cinesi. Un grande paese. come la Germania, ha certamente il potere di creare alcune di queste banche globali.”

SZ: Perché non abbiamo un grande campione bancario in Europa? 

“Molto semplice: perché non abbiamo ancora un mercato bancario europeo unificato. L’Europa è ancora molto frammentata, con sistemi e regole bancarie diverse. 

Temo che ci sia anche molta resistenza da parte dei politici. Forse a volte manca la volontà imprenditoriale di fare di più a livello europeo. Mi sembra anche che il dibattito senza fine sull’assicurazione dei depositi serva a rinviare ulteriormente la questione piuttosto che costituire effettivamente un ostacolo insormontabile.”

SZ: Potrebbe trasformare la sua banca diretta in un grande progetto europeo ed entrare, ad esempio, nel mercato tedesco. 

“Potremmo, sì. Ma attualmente ci concentriamo sulle piccole imprese in Italia, che per noi è un mercato enorme. Non voglio dire che non lo faremo mai. Ciò che stiamo imparando attualmente in Italia potrà essere utilizzato altrove in seguito.”