Istat: “A fine 2011 mutui crollati del 31,3% rispetto al 2010”

Pubblicato il 29 Maggio 2012 11:23 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2012 11:43

ROMA – Nel quarto trimestre 2011 i mutui (144.709) sono diminuiti del 31,3% rispetto al quarto trimestre 2010. E’ quanto rileva l’Istat.

Considerando l’intero anno 2011, rispetto al 2010 si registra una diminuzione del 14,3% per i mutui in totale e dell’8,4% e del 22,9%, rispettivamente, per quelli con e senza costituzione di ipoteca immobiliare.

Nell’ultimo trimestre dell’anno, in particolare, i mutui con costituzione di ipoteca immobiliare (100.022) sono diminuiti del 19,6%, mentre quelli non garantiti da ipoteca immobiliare (44.687) si sono ridotti del 48,2%.   Secondo i dati Istat il calo ha interessato tutta Italia, per entrambe le tipologie di mutuo.

I mutui garantiti da ipoteca immobiliare diminuiscono in misura maggiore nelle Isole (-27,9%), mentre quelli non garantiti da ipoteca immobiliare, con una diminuzione tendenziale del 62,7%, sono in calo soprattutto al Centro.  Per i mutui garantiti da ipoteca immobiliare il calo registrato nelle grandi città (-17,3%) è minore di quello osservato negli altri centri (-21,2%).

I mutui senza costituzione di ipoteca immobiliare registrano una diminuzione maggiore nelle grandi città (-51,1%) rispetto alle altre (-46,3%).  Rispetto al 2006, i mutui in totale registrano una flessione del 29,0%; quelli con garanzia di ipoteca immobiliare sono diminuiti del 27,6% e quelli non garantiti da ipoteca immobiliare del 31,3%.