Lotteria scontrini, fatevi il codice. Altrimenti 50, 20mila e mille a settimana…ve li scordate

di Riccardo Galli
Pubblicato il 4 Novembre 2019 8:22 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2019 10:36
Lotteria degli scontrini, fatevi il codice. Altrimenti 50, 20mila e mille a settimana...ve li scordate

Lotteria scontrini (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Lotteria degli scontrini in arrivo, ma per partecipare servirà il codice. Codice da richiedere sul non ancora ben identificato ‘portale della lotteria’ e ottenimento del codice che, speriamo, non si trasformi nella molto italica via crucis burocratica. Volete partecipare alle estrazioni che metteranno in palio sino a 50 mila euro e a quella finale da un milione tondo tondo ed esentasse? Armatevi allora di pazienza e preparatevi a richiedere il vostro.

Si partirà il prossimo 1 gennaio e l’obiettivo e la speranza sono quelli di emulare quanto fatto in Portogallo, dove un’analoga lotteria ha fatto aumentare così, da un giorno all’altro, del 30% la quota di scontrini emessi da commercianti. Merito sicuramente dei nuovi registratori di cassa dati in dotazione perché, si sa, i suddetti commercianti ogni volta che si mette in dubbio la loro onestà vanno su tutte le furie. Con la novità in arrivo non sarà la Finanza a far pressione perché vengano emessi gli scontrini, ma saranno i clienti stessi. O almeno quelli che avranno in tasca il loro codice.

Dall’anno prossimo infatti ogni scontrino emesso sarà, per chi lo intasca, una specie di gratta e vinci, il tagliando di una lotteria ad estrazione mensile prima e settimanale poi che metterà in palio premi da migliaia di euro. Bella idea, come è bella ogni idea che provi a far emergere e recuperare almeno parte di quell’enorme sommerso che affoga la nostra economia nazionale. Bastava o sarebbe stato meglio il semplice codice fiscale senza complicare la vita dei cittadini? Forse sì, sicuramente sarebbe stato meglio ma probabilmente non era sufficiente per ragioni tecniche.

Fatto sta che, per realizzare la bella idea, i consumatori che vorranno partecipare alle estrazioni – emettere lo scontrino è, o anzi sarebbe, un obbligo dei commercianti mentre partecipare alla lotteria non sarà un obbligo per i consumatori – dovranno dotarsi di un codice da fornire al momento dell’acquisto di un qualsiasi bene. Per capirsi, dovremo fare come quando in farmacia si acquistano farmaci detraibili e si dà, al farmacista, la tessera sanitaria per avere lo scontrino con tutte le indicazioni per il successivo scarico. Allo stesso modo dal tabaccaio, dal gioielliere e dall’alimentari dovremo esibire il nostro nuovo codice per avere lo scontrino-lotteria.

Come fare per averlo è ancora un mezzo mistero, o almeno non è stato chiarita in toto la procedura. Se infatti la tessera sanitaria ci viene recapitata a casa, quel che sappiamo del nuovo codice lotteria è che, chi vorrà averlo, dovrà farselo generale dal su citato ‘portale della lotteria’ e che sarà un codice identificativo univoco. Nel corso della giornata poi, e al momento della chiusura giornaliera, i registratori telematici genereranno il record composto da tutti gli scontrini corredati di codice lotteria dei clienti per poi trasmetterlo all’Agenzia delle Entrate. Qualche fortunato vincerà, ma l’idea è quella che vincano tutti grazie ad una limata all’evasione quotidiana.