Medicine comprate di notte: il supplemento diventa detraibile

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 maggio 2018 11:28 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2018 11:31
medicine comprate di notte: il supplemento diventa detraibile

medicine comprate di notte: il supplemento diventa detraibile

ROMA – Anche il supplemento di prezzo applicato a farmaci e medicine acquistate di notte può essere aggiunto tra le spese detraibili nella dichiarazione dei redditi. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,Ladyblitz – Apps on Google Play] A fine 2017, peraltro, le tariffe erano raddoppiate: il supplemento per l’acquisto di medicinali in orario notturno è passato cioè da 3,87 euro a 7,50. Il diritto addizionale, i 7,50 euro, sale a 10 euro se l’acquisto avviene presso una farmacia rurale sussidiata.

Nei piccoli comuni, inoltre, per i medicinali acquistati durante il servizio di turno a battenti chiusi, anche di giorno il cittadino dovrà pagare un supplemento pari a 4 euro, il doppio rispetto a quanto pagato sino al 2017.

I diritti addizionali sono dovuti solo se la farmacia opera a «battenti chiusi» o «a chiamata»; nessuna maggiorazione si applica durante l’orario di apertura, oggi liberamente scelto dal titolare, il quale può, volendo, anche stare aperto 24 ore su 24. Quindi nulla è dovuto nell’orario di servizio «battenti aperti», anche quando, per ragioni di sicurezza, il farmacista serve la clientela da “dietro la grata”. La prassi e le varie norme regionali prevedono, poi, che il cittadino non paghi maggiorazioni quando l’acquisto avviene a battenti chiusi, ma in base a ricetta Ssn rilasciata dalla guardia medica o dal pronto soccorso, oppure dal medico che vi abbia annotato il carattere di urgenza. (Sole 24 Ore)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other