Mutui bancari: per le famiglie una boccata d’ossigeno dalla crisi greca

Pubblicato il 30 Aprile 2010 11:34 | Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2010 11:34

L’effetto Grecia, nonostante le preoccupazioni ed i timori per il contagio di una crisi a livello globale,  non porta con sé solo problemi e svantaggi. Infatti, anche se pochi forse se ne sono accorti, da esso è venuta una boccata d’ossigeno per le famiglie italiane che hanno parte del  loro bilancio impegnato con un mutuo. Le difficoltà di Atene, e delle banche esposte sul paese, costringono la Bce (la Banca centrale europea) a tenere ancora allargati i cordoni della borsa, con la conseguenza che gli Euribor (ovvero i tassi interbancari ai quali sono indicizzati i mutui a rata variabile) restano sui minimi storici.

Agli osservatori più attenti non sarà probabilmente sfuggito il movimento che gli Euribor hanno registrato nelle ultime due giornate: il tasso a un mese è passato da 0,405% a 0,411%, quello a 3 mesi da 0,646% a 0,659%, quello a 6 mesi dallo 0,958% allo 0,967 per cento. Un’«increspatura», come gli operatori la definiscono, che qualcuno ha però guardato con sospetto, memore di ciò che era avvenuto dopo il crack Lehman: allora il mercato interbancario si era praticamente bloccato e i tassi avevano raggiunto i massimi storici nell’età dell’euro oltre il 5%, mandando in crisi molte famiglie italiane. Ma la situazione generale di oggi sembra essere ben diversa rispetto all’autunno 2008, e quindi per molti aspetti più tranquillizzante.

La Bce dovrà quindi rinviare una probabile prima stretta sul costo del denaro, che da un anno resto ancorato all’1 per cento. Se ne parlerà probabilmente la prossima primavera e questo consentirà alle famiglie di tirare ancora per un po’ un sospiro di sollievo e  anche chi deve stipulare un mutuo a tasso fisso (l’effetto Grecia si fa sentire anche sui tassi Irs, quelli in base ai quali le banche determinano il valore della rata di un mutuo fisso) può godere di un periodo di relativa tranquillità.