Natale di crisi, Confesercenti: “Mini-vacanza con budget da 250 euro”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2013 16:08 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2013 16:08
Natale di crisi, Confesercenti: "Mini-vacanza con budget da 250 euro"

Natale di crisi, Confesercenti: “Mini-vacanza con budget da 250 euro”

ROMA – Vacanze mini soprattutto nella spesa, per il Natale 2013: crescono i viaggi con un budget da 250 euro o meno, scelti dal 42% degli italiani, il 17% in più rispetto al 2012. E su chi rimarrà a casa pesa la crisi, indicata come ostacolo principale da 13,6 milioni di persone, il 36% di chi non partirà. Lo rileva un sondaggio Confesercenti-SWG, secondo il quale quest’anno i viaggiatori saranno 9 milioni e mezzo.

SPESA IN CALO: La spesa media sostenuta dai viaggiatori per le vacanze cala di circa il 9% rispetto al 2012, attestandosi sui 694 euro. Il dato è la sintesi della crescita – un vero e proprio boom – della quota di chi indica un’intenzione di spesa inferiore ai 250 euro, che passa dal 25 al 42%. Le indicazioni per tutte le altre fasce di spesa, invece, risultano in calo: in particolare, passa dal 25 al 21% la percentuale di chi investirà nel viaggio tra i 251 e i 500 euro, dal 18 al 15% chi indica tra 500 e i 750, dall’11 al 4% coloro che vogliono spendere tra i 751 e i 1000. Diminuiscono anche i big-spenders: le percentuali di chi indica di voler pagare più di 1000 euro quest’anno sono il 18% del totale di chi viaggia, il 3% in meno del 2012.

PARTONO SOPRATTUTTO I GIOVANI: quasi un viaggiatore su due (oltre il 44% di chi parte) avrà meno di 34 anni. Nel complesso, considerando tutte le fasce d’età, il 39% di chi farà una vacanza si accompagnerà alla famiglia. Il dato è in calo del 5% rispetto al 2012, ed è controbilanciato dall’aumento di chi va con gli amici (la cui quota passa dal 24 al 26%), di chi sceglie il viaggio con il partner (da 25 a 26%) e della crescita dei viaggiatori solitari, che passano dal 5 al 7%. Stabili al 2%, come lo scorso anno, le truppe di chi sceglie il viaggio organizzato.

CASA BATTE ALBERGO, SOLO 28% IN HOTEL: per quanto riguarda la tipologia di alloggio, il 59% di chi andrà in vacanza alloggerà in casa: il 18% (+3% rispetto a 2012) in una seconda abitazione di proprietà, il 41% (+6% sullo scorso anno), invece, sarà ospite di amici o parenti. I vacanzieri da albergo sono il 28%, mentre si assiste a una ripresina di campeggi, villaggi, agriturismi e altre strutture all’aria aperta. Quanto alla modalità di prenotazione, il 41% ha pianificato la propria vacanza da internet o telefono, il 7% in più dello scorso anno.

ITALIA IN CALO, AUMENTA L’ESTERO: il 66% ha indicato una destinazione in Italia: il 5%in meno sul 2012, a vantaggio delle mete in Europa (24% delle preferenze, nel 2012 era il 22%). Crescono anche Medio Oriente (dall’1 al 3%), Estremo Oriente (dal 2 al 3%) e Africa (dall’1% al 3%). Cala chi sceglie il Nord America (la quota passa dal 2 all’1%), mentre rimane stabile il Sud America, che raccoglie l’1% dei viaggiatori.

NESSUN TAGLIO A SPESE PER LA TAVOLA: ma non ci sono solo i viaggi. Un’analisi di Coldiretti-Ixè indica che il 25% delle spese di Natale e Capodanno degli italiani sono destinate alla tavola, voce sulla quale le famiglie sono meno disponibili a tagliare. Solo il 12% delle famiglie risparmierà rispetto all’anno scorso sui generi alimentari, mentre il 43% sull’abbigliamento, il 47% sui divertimenti e il 52% sulle vacanze, ma c’è un 37% che si comporterà come nel passato.

NATALE SOLIDALE: il prossimo Natale sarà, in generale, un po’ più povero ma anche più solidale. Il 61% degli italiani – dice un sondaggio Coldiretti – intende partecipare ad iniziative di solidarietà nei confronti di chi ha più bisogno.