Pensioni, esodati. Ultimi 6000 salvaguardati nel ddl Stabilità

di Warsamé Dini Casali
Pubblicato il 22 Ottobre 2013 10:09 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2013 10:09
Pensioni, esodati. Ultimi 6000 salvaguardati nel ddl Stabilità

Pensioni, esodati. Ultimi 6000 salvaguardati nel ddl Stabilità

ROMA – Pensioni, esodati. Ultimi 6000 salvaguardati nel ddl Stabilità. E’ l’ultima tranche di lavoratori esodati ammessi alla salvaguardia e ai quali si applicano i vecchi requisiti pensionistici pre-riforma Fornero. Il disegno di legge di Stabilità, articolo 7 comma 2, amplia di 6 mila unità la platea di coloro i quali sono rimasti senza lavoro e sono stati ammessi nel corso degli anni alla contribuzione volontaria entro il 4 dicembre 2011. Devono dimostrare un contributo volontario accreditato o accreditabile al 6 dicembre 20111.

Dopo il 4 dicembre 2011 possono aver svolto attività lavorativa purché non di tipo dipendente, né a tempo indeterminato e con un retribuzione inferiore ai 7500 euro lordi annui complessivi. I requisiti della pensione devono essere utili a comportare la scadenza entro gennaio 2015. L’ampliamento quindi vale per le pensioni decorrenti dal 2014. Se si considerano anche le correzioni del decreto 102/2013 (quello che aboliva l’Imu), i vecchi requisiti pre Fornero saranno applicati, alla fine a 142630 lavoratori.