Scuola, nuovo contratto: aumento di 85 euro mensili ai prof, arretrati a marzo in busta paga

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 febbraio 2018 9:39 | Ultimo aggiornamento: 9 febbraio 2018 10:04
Nuovo contratto nazionale scuola: 85 euro di aumenti

Scuola, il nuovo contratto: aumento di 85 euro mensili, arretrati a marzo in busta paga

ROMA – E’ stato firmato il primo contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca che interessa un milione e duecentomila tra docenti, personale ata, ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi.

85 euro di aumento, salvo il bonus da 80 euro. Gli aumenti salariali sono in linea con quanto stabilito dalle confederazioni con l’accordo del 30 novembre 2016: per la scuola da un minimo di 80,40 (per i maestri di infanzia) a un massimo di 110,70 euro (insegnanti a fine carriera) da suddividere in tre annualità. Non ci sarà nessun aumento dell’orario di servizio. Pienamente salvaguardato per le fasce retributive più basse il bonus fiscale di 80 euro. Hanno firmato Cgil, Cisl e Uil, non ha firmato Snals.

A marzo verranno anche pagati gli arretrati. Sono stati invece dimezzati i fondi per la valorizzazione (contestata dai prof) del merito: dei 200 milioni di euro stanziati, metà verranno distribuiti a pioggia (a tutti), solo 100 milioni in base al merito. Resta fuori dall’accordo contrattuale appena sottoscritto il nuovo codice etico.

Il contratto è stato firmato dopo 10 anni di blocco e secondo i sindacati Cgil Cisl e Ui della scuola “segna una svolta significativa sul terreno delle relazioni sindacali, riportando alla contrattazione materie importanti come la formazione e le risorse destinate alla valorizzazione professionale. Rafforzati tutti i livelli di contrattazione, a partire dai luoghi di lavoro, valorizzando in tal modo il ruolo delle RSU nell’imminenza del loro rinnovo”.

La vigenza triennale del contratto 2016-18 si concluderà con l’anno in corso. Per quanto riguarda il personale docente della scuola, i sindacati precisano che “si è ottenuto di rinviare a una specifica sequenza contrattuale la definizione del codice disciplinare con l’obiettivo di una piena garanzia di tutela della libertà di insegnamento. Riportando alla contrattazione le risorse finalizzate alla valorizzazione professionale, ripristinando la titolarità di scuola, assumendo in modo esplicito un’identità di scuola come comunità educante si rafforza un modello che ne valorizza fortemente la dimensione partecipativa e la collegialità”.

 

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other