--

Attentato Boston, le teorie del complotto: Griffin, False Flag, Sara Tommasi….

di Gianluca Pace
Pubblicato il 17 Aprile 2013 13:55 | Ultimo aggiornamento: 17 Aprile 2013 13:58

ROMA – Twitter, Boston e i complotti. Dimmi in che complotto credi e ti dirò chi sei. False Flag? Griffin? Tetto? Esercitazione controllata? Sara Tommasi?

Prima teoria. “The False Flag Attack”. Trenta minuti. Tanto è passato dallo scoppio delle bombe alla maratona di Boston al primo tweet, targato Alex Jones (chi è? Clicca qui):

Teoria: Le bombe di Boston sono solo un False Flag, un attentato organizzato dal governo degli Stati Uniti, una scusa per violare, ancora una volta, “le nostre libertà civili e per giustificare nuove misure di sicurezza”.

Dan Bidondi, conduttore radiofonico di Infowars e wrestler professionista, imbucato durante una conferenza del governatore del Massachusetts, Dave Patrick chiede: “Is this another false flag staged attack to take our civil liberties and promote homeland security while sticking their hands down our pants on the streets?”. Tradotto: “E’ questo un altro False Flag?” Risposta: “No, prossima domanda?”

Ecco il video:

Seconda teoria. “The Roof Guy”. Il ragazzo sul tetto. La foto, in pochi minuti, ha fatto il giro del mondo. Chi è l’uomo sopra il tetto durante l’attentato? Ecco la foto

Chi ha postato la foto? Un utente Twitter, Darth Fawkes, ora bloccato. Qualcuno ha chiesto lumi sulla foto in conferenza stampa (no, quel qualcuno non era un wrestler). Ecco il video. Domanda: “Era solo un uomo che stava guardando la maratona?” Risposta: “Yes”. Capitolo chiuso, forse.

 Teoria numero tre.Crisis Actors”. Le vittime non erano vittime, erano solo attori, attori assunti dal governo per fingere. Fingere anche di morire. Tempo tra i bombardamenti e l’accusa? 20 minuti. Tweet firmato Rachel Gates. Eccolo:

Quarta teoria. I Griffin. I Griffin avevano previsto tutto durante un episodio del mese scorso. Dove? Come? Quando? Ecco il video in questione:

Poco dopo, però, si è scoperto che si trattava di un fake, un falso. E il web si è scagliato conto la famiglia più irriverente dei cartoons.

Ultima teoria: Sara Tommasi. Veramente. Sara Tommasi su Twitter scrive: “Attentato agli americani fatto dagli americani per avere la scusante per dichiarare guerra e pigliarsi il petrolio”. Perché non credere anche a Sara Tommasi?