Brasile, la fattoria nazista che allevava schiavi-calciatori (foto e video)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 gennaio 2014 16:10 | Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2014 16:12

ROMA – Una foto sbiadita, logora, ha riportato alla luce una storia che molti in Brasile avrebbero preferito continuare ad ignorare. E’ la storia di quella fattoria dove fra gli anni Trenta e Quaranta una famiglia filo nazista teneva segregati degli schiavi per farli giocare a calcio, oltre che spaccarsi la schiena nei campi.

Nulla di tutto questo sarebbe venuto alla luce se non fosse per la curiosità di Jose Ricardo Rosa Maciel che dopo aver rinvenuto nel suo ranch la fotografia di una squadra di calcio, con tanto di bandiera con la svastica, ha iniziato a scavare nella storia di quella fattoria in cui si era trasferito. Dopo un consulto con alcuni esperti e la scoperta di due mattoni segnati dalla svastica, la storia del ranch ha fatto il giro del Brasile trovando ulteriori conferme.

Brasile, la fattoria nazista dove venivano allevati schiavi-calciatori

Brasile, la foto con gli schiavi-calciatori

Agenzia Informa, oltre alla foto pubblica anche una recente intervista di Argemiro dos Santos, ex calciatore di Fluminense, Vasco de Gama e Botafogo, oggi novantenne, in cui racconta  di aver vissuto in quella fattoria negli anni Trenta: