foto notizie

Corea del Nord, il reportage nei campi di concentramento di Kim Jong-un (foto e video)

ROMA – Stupri, aborti, torture. “A glimpse of hell” scrive il Daily Mail, un assaggio d’inferno. E’ il reportage di Amnesty International (questo il link al sito ufficiale) tra i campi di prigionia della Corea del nord. Tra le testimonianze il racconto di quattro sopravvissuti. La chiamano “guilt-by-association”, è la tortura contro i dissidenti coreani: uccidere i famigliari del “traditore”, fino alla terza generazione, in modo da far venire rimorsi, sensi di colpa terrificanti.

E poi ci sono le esecuzioni. Far scavare la fossa alla vittima per poi ucciderla con un martello, c’è lo strangolamento con una corda di gomma. In totale, secondo l’inchiesta, circa 200mila le persone che negli ultimi anni sono finite nei campi di concentramento. Poi ci sono le violenze contro le donne, costrette all’aborto e stuprate continuamente dalle guardie.

Intanto a Ginevra è stato presentato il rapporto della commissione d’inchiesta sulla violazione dei diritti umani.

“La gravità, la scala e la natura di queste violazioni – si legge nel rapporto – rivelano uno stato che non ha alcun parallelo nel mondo contemporaneo”.

Le foto di Amnesty International:

Il racconto di una sopravvissuta

To Top