Gianni Morandi torna a casa: foto di gruppo con i medici e gli infermieri prima delle dimissioni

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Aprile 2021 15:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2021 15:51
Gianni Morandi torna a casa: foto di gruppo con i medici e gli infermieri prima delle dimissioni

Gianni Morandi torna a casa: foto di gruppo con i medici e gli infermieri prima delle dimissioni

Gianni Morandi torna a casa: il cantante è stato dimesso nella tarda mattinata del 7 aprile dal Centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena, dove era ricoverato dall’11 marzo a seguito delle ustioni riportate alle mani e alle gambe dopo un incidente domestico nel suo giardino.

Le sue condizioni di salute, informa l’Ausl Romagna, sono buone. Per festeggiare le dimissioni Morandi ha postato una foto di gruppo con il personale medico del Bufalini con un caloroso saluto all’equipe che lo ha curato in questi 27 giorni di ricovero.

Gianni Morandi dimesso, la foto di gruppo

“Finalmente torno a casa – ha scritto Morandi su Facebook – Voglio ringraziare ancora questo magnifico gruppo di medici, infermieri e operatori sanitari, guidati dal dottor Davide Melandri, che mi hanno assistito e curato per il grave incidente”.

“Da oggi – aggiunge – dovrò fare molta riabilitazione per recuperare totalmente l’uso della mano destra ma il peggio è passato. Evviva, grazie a tutti!”.

Gianni Morandi, l’incidente in campagna

Il cantante di Monghidoro, 76 anni, ha riportato alcune ferite alle gambe e alle mani – in particolare a quella destra – ma non è mai stato in pericolo di vita, malgrado se la sia vista brutta e le ustioni non fossero per nulla banali come testimonia il ricovero nel centro riservato comunque ai casi più gravi.

Stava bruciando delle sterpaglie nella sua casa in campagna, quando è cascato in mezzo alle fiamme. Dopo il brutto spavento Gianni Morandi ha ringraziato il personale sanitario scherzando e scattandosi un selfie assieme a medici e infermieri.

Gianni Morandi torna a casa: foto di gruppo con i medici e gli infermieri prima delle dimissioni