Isis, siriani distrugge 2 Mig dei jihadisti. A Kobane la guerra continua FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Ottobre 2014 20:37 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2014 21:28

KOBANE – Il regime siriano sostiene che le sue forze armate hanno distrutto due caccia Mig che erano finiti nelle mani dell’Isis nella provincia di Aleppo e ha fatto sapere di aver fornito sostegno militare ai combattenti curdi che stanno difendendo la città di Kobane, assediata dagli jihadisti.

“L’aeronautica ha distrutto due dei tre aerei obsoleti che stavano atterrando in una base aerea abbandonata ad Aleppo”, ha riferito il ministro dell’Informazione, Omran al-Zohbi. L’esercito siriano sta cercando il terzo velivolo nelle mani dell’Isis. anche se ritiene che gli jihadisti non siano capaci di utilizzarlo. Venerdì scorso, attivisti siriani avevano denunciato che l’Isis disponeva di almeno tre caccia, tutti efficienti e in grado di volare, nell’aeroporto militare che controlla, l’Al Jarrah di Aleppo.

Secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti umani, si trattava di Mig-21 e Mig-23 di fabbricazione russa, e l’Isis stava addestrando i suoi uomini a pilotarli.

Al-Zohbi ha aggiunto che il governo, con le sue forze militari e aeree, “sta fornendo sostegno militare e logistico alla città” di Kobane (guarda le foto dei bombardamenti effettuati da caccia statunitensi e pubblicate da LaPresse).  “Da quando è cominciata la battaglia, lo Stato non ha esitato a svolgere il suo compito, politico, sociale e umanitario”, perché la città è “territorio siriano e i suoi residenti sono siriani”, ha proseguito; e Damasco “continuerà a fornire aiuto militare a Kobane al più alto livello”.