Napoli, rapinatori armati si portano via il cardellino dal negozio

Pubblicato il 13 Aprile 2012 19:52 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2012 19:52

I rapinatori vanno via con il cardellino

NAPOLI – Due rapinatori sono entrati armati in un negozio ed hanno rubato una gabbietta con dentro un cardellino, una specie rara di uccello.

È successo a Napoli nella zona dell’Arenaccia, a tre chilometri dal centro storico. “Tutto mi sarei aspettato, tranne che in questa città arrivassero a rubare anche un uccellino”, racconta il proprietario di Nuova Teleprodotti, il locale rapinato.

L’uomo ha aggiunto che pochi giorni prima della rapina due uomini si erano presentati nel negozio di elettronica di via Sant’Alfonso Maria dei Liguori per provare ad acquistare il cardellino. “Anche in quel caso erano in due ma non hanno nulla a che fare con i rapinatori”, precisa Paolo Cursale, il sessantunenne proprietario del negozio.

In molti insomma sembravano essere rimasti colpiti dalla bellezza del volatile, custodito nella gabbia vicino al bancone merci: “Mi hanno proposto 3mila euro per l’uccellino. Ho rifiutato e loro hanno rilanciato a 7mila”. Paolo non ha ceduto per il fatto di essere molto legato al cardellino: “Ho allevato di persona il piccolo volatile che mi ha sempre tenuto compagnia con il suo canto. Spesso lo lasciavo libero di volare qui nel negozio”.

Oltre ai 7 mila euro, il proprietario racconta di aver ricevuto un’offerta molto più grande: “Nessuno ci crederà, ma mi hanno offerto 50 mila euro per quell’uccellino. E io ho di nuovo rifiutato”.

La rapina è accaduta pochi giorni prima di Pasqua, nel negozio di Sant’Alfonso Maria dei Liguori. I due rapinatori con il viso mascherato erano armati di pistola.

Secondo il proprietario, i due rapinatori potrebbero aver agito su commissione. Il commercio dei cardellini è infatti un business milionario spesso legato alla criminalità organizzata. Gli uccellini catturati vengono anche accecati per migliorarne la qualità del canto.