Ruotolo non stringe mano al candidato Casapound Di Stefano. Polemica su Twitter

Pubblicato il 8 Febbraio 2013 20:12 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2013 20:14

ROMA – “No, non ti stringo la mano“, al termine della Tribuna elettorale del Tgr Lazio, Sandro Ruotolo, candidato alla presidenza del Lazio per Rivoluzione civile-Ingroia, non ha voluto stringere la mano al candidato di Casapound, Simone Di Stefano. Ma al candidato di estrema destra lo sdegno non è andato giù e su Twitter ha ingaggiato la sua polemica.

“Sono orgogliosamente antifascista – ha motivato Ruotolo a margine della registrazione – c’è stato un esponente di Casapound che ha provocato una situazione di battute contro Nichi Vendola e allora io dico, no, non ti stringo la mano”.

Di Stefano cinguetta polemico: “#Zingaretti #Barillari e anche #Serge il comunista mi hanno stretto la mano. #Ruotolo no. Non è questione politica, ma di educazione“.

Poi, dopo alcune ore, aggiunge: “In realtà #Ruotolo si è accorto che avevo la scossa di carnevale in mano, io che lui aveva baffi e occhiali finti e non ci siamo fidati”.