Gatto in casa, come accoglierlo: 10 consigli

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2018 14:59 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2018 14:59
Gatto in casa, come accoglierlo: 10 consigli

Gatto in casa, come accoglierlo: 10 consigli (Foto Ansa)

ROMA – Vorreste un gatto in casa ma avete paura? Temete di non essere in grado di gestirlo? Di certo un micio non è un gioco, ma non è nemmeno un’impresa impossibile averne uno e non fargli mancare nulla. Vediamo allora come si accoglie un gatto in casa. 

  1. Prima di accogliere un gatto in casa è bene capire se si soffre di allergie. I fenomeni allergici verso i felini sono piuttosto frequenti. Non è il pelo del micio a provocare disturbi ma la loro saliva con cui lavano la pelliccia quotidianamente.
  2. Un gatto non è un gioco. Se pensate di regalarne uno al vostro bambino parlatene in modo approfondito per aumentarne la consapevolezza prima di adottarlo o comprarlo.
  3. Non è vero che il gatto è del tutto indipendente, ha bisogno di coccole, cure e soffre la solitudine. Non andrebbe lasciato sempre solo e chi si assenta tutto il giorno per lavoro deve ritagliare comunque del tempo per giocarci, coccolarlo e accudirlo quando rientra a casa.
  4. Il gatto costa: necessita di sterilizzazione, vaccini e visite regolari del veterinario che per i gatti anziani diventano più frequenti. Poi prodotti antiparassitari da usare con regolarità, cibo di qualità, medicinali e terapie eventuali.
  5. Il gatto può restare solo in casa per una notte (con cibo e acqua a disposizione). Se ci si assenta per più notti è meglio richiedere l’aiuto di persone di fiducia che abbiano il tempo di visitarlo tutti i giorni anche per accarezzarlo e farlo giocare, oltre che per mantenere pulita la lettiera e non fargli mancare cibo e acqua.
  6. Gatto piccolo o adulto? Meglio grandicello. L’indole si evidenzia a partire dai 6 mesi di età.
  7. I caratteri (di proprietario e micio) devono coincidere. Ad esempio un gatto più indipendente andrà bene per chi si assenta tutto il giorno da casa. I gatti più affettuosi sono l’ideale per le famiglie con bambini e per chi passa più tempo in casa.
  8. Avete una casa adatta? Il gatto ha bisogno di movimento, se l’appartamento è piccolo è una buona idea montare delle mensole in altezza per permettergli di scalarle. I gatti amano molto stare in alto.
  9. Il terrazzo e il giardino sono un elementi in più per accogliere un micio felice ma montate reti di sicurezza perché i gatti cascano eccome da finestre e balconi, magari inseguendo insetti o uccelli.
  10. Meglio un gatto con pedigree o senza? Le scelte sono personali ma Pacelli ricorda i numerosi gatti abbandonati e i mici nati in strada. Ogni città ha gattili comunali, volontari e organizzazioni di supporto, anche attivi tramite i social, a cui rivolgersi per intraprendere le adozioni.