Camilleri, con “Riccardino” l’ultimo Montalbano (che esce di scena, sopraffatto dal suo clone televisivo)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Luglio 2019 11:01 | Ultimo aggiornamento: 18 Luglio 2019 11:33
"Riccardino" l'ultimo Montalbano inedito di Camilleri

Il Montalbano televisivo nella foto Ansa

ROMA – In un cassetto della casa editrice Sellerio è custodito il capitolo conclusivo della saga di Montalbano, il commissario italiano più conosciuto al mondo. Ma potrebbe non essere l’unico inedito di Andrea Camilleri.

Come uscirà di scena anche il commissario come il suo autore lo scopriremo in “Riccardino”, appunto l’ultima puntata, scritta però una dozzina di anni fa (“Mi era venuta un’idea su come far finire Montalbano, temendo l’Alzheimer ho preferito scriverlo subito”).

Dunque “Il cuoco dell’Alcyon”, ventisettesimo capitolo della saga, avrà un seguito. In “Riccardino” il commissario sparisce ma non muore, sopraffatto dal clone televisivo che lui stesso ha ispirato.

“Il personaggio – spiegava Camilleri a La Stampa – non può che finire nel momento in cui comincia a pensare al doppio. Cioè comincia a pensare a Luca Zingaretti. E si trova sopraffatto dall’altro personaggio. Montalbano – continua Camilleri – arriva sul luogo del delitto, e tutta la gente, sulla strada, col morto, tutti affacciati ai balconi che pare una festa. ‘Il commissario arrivò, Montalbano arrivò!”. “Cu, chiddru della televisione?’. ‘No, chiddru vero’. A Montalbano gli girano i cabasisi…”. (fonte Tgcom24)