Digitale terrestre, quali canali non si vedranno più dal 20 ottobre: ecco come sapere se il televisore funzionerà

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 Ottobre 2021 - 10:49 OLTRE 6 MESI FA
televione foto ansa

Digitale terrestre, quali canali non si vedranno più dal 20 ottobre: ecco come sapere se il televisore funzionerà (foto Ansa)

Il prossimo 20 ottobre molti canali del digitale terrestre passeranno all’Hd. Per chi non ha un televisore compatibile non saranno più visibili. Comincia in questo modo il passaggio al nuovo digitale terrestre che proseguirà nel 2023.

Nuovo digitale terrestre, come sapere se la nostra televisione sarà compatibile

Come scoprire se il tv color che abbiamo è compatibile con il nuovo digitale terrestre? Se non lo fosse, il Governo ha stanziato dei bonus che permettono di acquistare i nuovi televisori e i decoder. 

Il problema si porrà principalmente nel 2023. Quasi tutti i televisori attualmente nelle nostre case sono infatti compatibili con il cambio che scatta dal 20 ottobre. L’Hd è compatibile con i modelli venduti fin dal 2010. Basterà solo risintonizzare il nostro televisore. I canali tematici che saranno da risintonizzare passeranno dalla codifica Mpeg-2 a quella Mpeg-4. Ma questo, come detto, è solo il primo passaggio tecnologico.

Il passaggio al nuovo digitale terrestre nel 2023

Con il secondo passaggio, quello che scatterà nel 2023, si passerà dal sistema Dvb-T al Dvb-T2, ovvero al nuovo digitale terrestre. In questo caso tutti i vecchi canali saranno “spenti”. Un televisore compatibile con l’Hd quindi non è detto che sarà compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Per chi non ha il tv adatto, nel gennaio 2023 si dovrà adeguare comprandone uno nuovo (prepariamoci ad un aumento di tv buttate in strada e nei cassonetti ndr) o comprando un decoder.

Come fare lo spiega Il Corriere della Sera in un articolo: “Per sapere se si è pronti ci sono due canali di test, il 100 per la Rai e il 200 per Mediaset. Se leggiamo la scritta ‘Test HEVC Main10’ il tv è compatibile anche con il nuovo digitale terrestre e non c’è bisogno di cambiarlo. L’importante, nell’eseguire il test, è che si vedano correttamente Raiuno sul canale 1 e/o Canale 5 sul quinto canale. Se infatti non riceviamo correttamente i canali tradizionali non vedremo neanche quelli di test. In questo caso meglio risintonizzare il Tv ed eseguire di nuovo il controllo”.

Nel caso non abbiamo la televisione adatta o un decoder compatibile, il Mise ha messo a disposizione due bonus cumulabili tra loro. Ancora il Corriere della Sera: “Il Bonus Rottamazione Tv prevede uno sconto del 20% (fino a un massimo di 100 euro) dando indietro il vecchio televisore mentre il Bonus Tv Isee 20.000 scala fino a 30 euro da un Tv o da un decoder se il reddito è pari o inferiore a 20mila euro.

“Il passaggio al nuovo digitale terrestre è strategico su più fronti. Da una parte lo standard Dvb-T2 (per esteso Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial) consente un miglioramento della qualità visiva e, come visto, il passaggio all’alta definizione. Dall’altra permetterà di liberare la cosiddetta ‘banda 700’, le frequenze che saranno destinate al 5G, la rete mobile ultraveloce in arrivo”.

Quali sono i canali che il 20 ottobre passeranno all’Hd

Dal 20 ottobre nove canali tematici Rai e sei di Mediaset si vedranno solo in alta definizione. Si tratta di Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport + HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola.

Per Mediaset invece di TgCom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV e Virgin Radio TV. In questo caso, per sapere se il televisore o il decoder sono compatibili con l’Hd basta sintonizzarsi su un qualsiasi canale in alta definizione: 501 per Raiuno Hd, 505 per Canale 5 Hd, 507 per La7 Hd. Se ne riceviamo anche uno nessun problema. Vuol dire che siamo a posto: il nostro tv è adatto a ricevere l’alta definizione e stiamo apposto fino al 2023.