Il Riformista ceduto da Tosinvest ad Alfredo Romeo. Piero Sansonetti direttore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 luglio 2019 11:41 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2019 11:46
Il Riformista ceduto da Tosinvest ad Alfredo Romeo

Nella foto una vecchia prima pagina de Il Riformista

ROMA – Il presidente della Finanziaria Tosinvest, Giampaolo Angelucci, ha reso noto in un comunicato “l’avvenuta cessione della testata Il Riformista da parte della TMS edizioni S.r.l. (società controllata da Tosinvest). La famiglia Angelucci, nella proprietà della testata dal 2003, augura ai nuovi editori i migliori successi”.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera la testata, ideata nel 2002 da Claudio Velardi e chiusa nel 2012, è stata acquistata dall’imprenditore Alfredo Romeo, a dirigerla andrà Piero Sansonetti, il 20 luglio sarà online e da settembre in edicola.

Piero Sansonetti (già direttore di Liberazione e del Dubbio) in una intervista al Corriere della Sera annuncia: “Il Riformista guarda a un’area di centrosinistra e riformista, appunto, che non vuole essere dominata dalla paura, dall’astio verso gli altri, dalla vergogna della ricchezza…”.

5 x 1000

Ma la vera cifra del giornale ruoterà intorno al “complesso di inferiorità della sinistra che sa inseguire solo la destra o la magistratura…”. A proposito, spiega ancora Sansonetti: “Il Riformista non pubblicherà mai le intercettazioni captate con il trojan… e il garantismo varrà per tutti: Per i re e per i Rom, come mi ha assicurato l’editore”. In passato il Riformista è stato diretto a più riprese da Antonio Polito e infine anche da Emanuele Macaluso fino al 2012.